Tu sei qui

MotoGP, Jorge Lorenzo: "La cosa che mi manca di più delle corse è vincere"

"Dopo un infortunio ti chiedi se valga la pena rischiare la vita per realizzare i tuoi sogni. La cosa più difficile è vincere la prima gara, il primo campionato, poi sai che puoi rifarlo"

MotoGP: Jorge Lorenzo:

Jorge Lorenzo si gode la sua meritata pensione sulle sponde del lago di Lugano e sembra essere definitivamente uscito dalla MotoGP. Dopo la breve esperienza come collaudatore per Yamaha, a differenza di altri suoi ex colleghi come Pedrosa e Dovizioso, ha scelto di dedicarsi ad altre attività. Questo però non significa che le corse non gli manchino.

Quello che mi manca di più sono tutte le persone che ho conosciuto, gli amici che ho incontrato durante i diciotto anni nel mondiale e, soprattutto, vincere - ha rivelato in un intervista rilasciata ad abc.es - Quello che mi manca di meno è la pressione a cui ero sottoposto e gli infortuni”.

Il maiorchino ha sempre affrontato i suoi giorni da pilota con il massimo impegno e non è stato facile.

Penso che la cosa più difficile sia arrivare: vincere una gara e poi un campionato - ha spiegato - Poi diventa più facile perché sai che è possibile, devi solo farlo di nuovo, perché anche se hai dei dubbi sul fatto che tu possa farlo o meno, pensi che l'hai fatto una volta e questo rende più facile rimanere motivati, cosa è abbastanza difficile a volte”.

Come in tutte le carriere, ci sono stati momenti critici, quelli in cui ti chiedi se ne valga ancora la pena. Per Lorenzo sono coincisi con i suoi infortuni più gravi.

Ci sono stati un paio di periodi in cui ho considerato di smettere, soprattutto dopo infortuni importanti che ti fanno chiedere se vale davvero la pena rischiare la vita per realizzare i tuoi sogni - ha ricordato - Ma con il passare dei giorni e ripensandoci a freddo, ci riprovavo sempre. L'ultima volta che mi sono infortunato alle vertebre, a 22 anni, ho pensato davvero a tutto”.

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy