Tu sei qui

MotoGP, Pol Espargarò: "non sono sicuro che Honda sappia ciò che sta accadendo"

"Il problema è che non ho idea di cosa stia pensando Honda non so se quello che sta accadendo qui arriverà in Giappone. A prima vista non sembra, perché non stiamo ottenendo il materiale necessario per migliorare la moto”

MotoGP: Pol Espargarò: "non sono sicuro che Honda sappia ciò che sta accadendo"

Share


Dopo un inverno straordinario e una prima gara incoraggiante, in cui ha lottato per la vittoria e si è piazzato sul podio, Pol Espargarò e il resto dei piloti Honda sono andati in caduta libera che ha impedito a chiunque di tornare sul podio. C'è un dato molto significativo: nonostante abbia saltato sei gare, Marc Márquez, 14° nella classifica generale dei punti, è il primo dei piloti della Casa di Tokyo, con un margine di 15 punti su Takaaki Nakagami, che è 16°.

Naturalmente la Honda non si trova in una situazione facile: orfana del suo leader non può contare più né su Pol, passato alla KTM, né su Alex Marquez, che la prossima stagione salirà sulla Ducati del team Gresini.

A Silverstone questo fine settimana, Espargaró non ha mai trovato una confidenza che gli permettesse di essere ottimista. Sabato non è riuscito a superare la prima fase di qualificazione e nei primi giri della gara di domenica si è trovato in fondo al gruppo, fino a quando ha gradualmente superato i suoi avversari e ha tagliato il traguardo al 14° posto, a due decimi di secondo da Nakagami e a 13,9 secondi dal vincitore Pecco Bagnaia.

"Quello che mi preoccupa è che Honda non si esprima, che non ci sia alcuna reazione. Non mi sembra che Honda sia molto preoccupata. Non so cosa pensare. La cosa peggiore è che un costruttore come questo non mostri i suoi muscoli - ha dichiarato Espargaró a Motorsport.com - Cinque anni fa sembrava impensabile che i marchi europei si sarebbero gradualmente liberati di quelli giapponesi e che quelli giapponesi sarebbero spariti. Era qualcosa che non si poteva prevedere", ha aggiunto il catalano.

"Il problema è che non ho idea di cosa stia pensando Honda - ha concluso - non so se quello che sta accadendo qui arriverà in Giappone. A prima vista non sembra, perché non stiamo ottenendo il materiale necessario per migliorare la moto”.

 

Articoli che potrebbero interessarti