MotoGP, Rossi: "Marquez domina come facevo io quando ero al top"

"Non farà fatica a raggiungermi a 9. Mi dispiace perché io due o tre titoli li ho buttati via. Quartararo? Se in Yamaha non lo tengono sono pazzi. Mi piacerebbe vedere mio fratello lottare con Marquez"

Share


Valentino Rossi ha oggi assistito quasi inerme all'ennesimo passo in avanti di Marc Marquez verso la leggenda. Oggi lo spagnolo ha conquistato l'ottavo titolo iridato e nella stessa giornata Rossi ha sofferto con la propria M1 gli stessi problemi che ormai lo affliggono da diverse gare. Valentino infatti non riesce a risolvere i problemi di eccessivo consumo della gomma posteriore che di fatto gli rovinano ogni Gran Premio da troppo tempo ormai.

Una situazione che ovviamente non va particolarmente giù a Valentino, che invece di poter lottare per il podio o almeno per le posizioni attorno allo stesso, è stato relegato ad una insipida ottava posizione al traguardo, ultimo pilota Yamaha al traguardo e soprattutto lontano ben 20 secondi dai due piloti che hanno illuminato il GP con il loro duello, ovvero Marc Marquez e Fabio Quartararo. Parlando di Marc, Valentino ha voluto creare un parallelo con le sue imprese del passato.

"Marc come me nei miei momenti migliori? Ha vinto quest’anno da dominatore, come facevo io negli anni in cui io ero nella mia miglior forma. Ha sbagliato solo ad Austin, ma per il resto è stato quasi perfetto. Penso non farà tanta fatica a raggiungermi a nove. Mi dispiace perché durante la mia carriera due o tre titoli li ho buttati via. Anzi, due li ho buttati via ed uno me l’ha fatto perdere, però sono tre e per lui sarebbe stata più dura. A nove ho paura che mi raggiunga presto!".

Ma oggi cosa è andato storto?

"Sfortunatamente la gara è stata molto simile alle ultime gare, perché più o meno ho avuto gli stessi problemi. Dopo qualche giro, molto presto, ho iniziato a soffrire con il grip al posteriore ed ho perso gradualmente grip e performance, quindi ho dovuto rallentare. Un’altra gara difficile. Un peccato perché oggi nel warmup abbiamo trovato qualcosa di buono e sono stato molto incisivo anche con gomme usate. Abbiamo modificato alcune cose e questo ci aveva fatto trovare un po’ di grip, ero sereno. Questa mattina con gomme usate ho fatto degli ottimi giri con gomme molto usate, quindi mi sei aspettato di fare una gara abbastanza buona. Volevo usare le stesse gomme ma semplicemente nuove in gara, ma non ha funzionato". 

Sembra che il problema sia palese ma la soluzione irraggiungibile.

"Il problema è proprio questo e quando sei in moto è abbastanza palese. Le gomme perdono tanta performance in poco tempo. Ogni volta che sono piegato con la moto soffro tantissimo. A Silverstone non è andata male, ma anche se lì in qualifica siamo andati bene poi in gara abbiamo sofferto, come capita sempre purtroppo. Sappiamo di dover fare qualcosa e ci proveremo, lo faremo già a Motegi. Oggi i primi tre sinceramente erano più veloci, ma nel warmup ero veloce. Quindi ero convinto di poter lottare almeno per il quarto posto contro Dovi o Rins, ma sfortunatamente non è andata così". 

Pensi che ci voglia un approccio molto diverso per definire l'assetto della moto?

"Dobbiamo cambiare qualcosa, e naturalmente ci stiamo provando anche in queste gare solo che alcune cose non hanno funzionato. Abbiamo parlato molto in riunione dopo la gara e ci riproviamo a Motegi. Naturalmente sono molto deluso perché volevo provare ad andare più forte. Poi stamattina ero stato veloce, giravo forte quindi ero ottimista".

Fabio secondo te può essere il pilota del futuro per la Yamaha?

"Fabio è molto importante per il futuro di Yamaha. Mi aspettavo che sarebbe stato molto veloce, ma sono certo che nessuno nel paddock si aspettasse che sarebbe stato così veloce. Lui è sempre stato veloce, da quando era molto giovane, ma davvero nessuno avrebbe immaginato che avrebbe fatto qualcosa di cosa speciale. E’ un grande e penso che l’anno prossimo tutti cercheranno di portare Quartararo sulle proprie moto. Per il 2021, se non sono pazzi, in Yamaha faranno di tutto per tenere Fabio sulla M1".

Oggi almeno c'è stata per te la soddisfazione di Luca.

"In una giornata difficile la vittoria di Luca è stata una grande soddisfazione e gli volevo fare i complimenti. E’ bello vederlo così, è veramente figo. Spero che possa finire la stagione bene per essere pronto nella prossima a lottare per il mondiale. Sarebbe bella una sfida Marini - Marquez per il 2020!"

Share

Articoli che potrebbero interessarti