Tu sei qui

MotoGP, Rossi: "Buone sensazioni nel primo GP a Portimao, voglio la Top 10"

Valentino cerca di finire nel migliore dei modi la sua carriera in MotoGP. Dovizioso alla scoperta della Yamaha: "ho bisogno di fare giri e capire la M1. In questo momento è difficile lottare"

MotoGP: Rossi: "Buone sensazioni nel primo GP a Portimao, voglio la Top 10"

Share


A Misano Valentino Rossi ha fatto il pieno di emozioni con l’ultimo saluto ai suoi tifosi italiani. Ora è il momento di partire per le ultime due gare della carriera, la prima tappa sarà a Portimao questo fine settimana, poi ci sarà il gran finale a Valencia.

Sullo pista portoghese, ad aprile, il Dottore non aveva terminato la gara a causa di una caduta mentre si trovava in zona punti. Rinfrancato dal 10° posto di Misano, Valentino vuole proseguire sulla stessa linea.

Portimao è una pista difficile e ha alcune caratteristiche molto particolari, che altri circuiti non hanno - la descrive Rossi - La prima delle nostre due gare di quest'anno non era stata troppo male per noi, ero stato in grado di seguire la mia strada per essere nella top-ten. Purtroppo ero caduto. L'obiettivo di questo fine settimana è quello di cercare di fare una buona gara e di avvinare i primi. Avevo avuto un buone sensazioni nel primo GP, soprattutto la domenica, quindi spero che potrò essere competitivo e ripetere un grande risultato come a Misano”.

Se Valentino è agli sgoccioli della sua avventura con Yamaha, Dovizioso è appena all’inizio. Andrea ha lasciato Misano con l’amaro in bocca e ora dovrà affrontare una pista nuova per lui sulla M1.

È un circuito molto particolare e in realtà non so come sarà con la Yamaha, soprattutto perché sto ancora imparando - spiega il Dovi - Sono davvero interessato a vedere se potremo essere più competitivi a Portimao, perché a Misano non ho avuto la possibilità di esserlo con le condizioni mutevoli della pista. Spero di fare un passo avanti perché è difficile lottare in questo momento. Spero anche di trovare buone condizioni nelle prove libere, perché ne abbiamo bisogno per continuare a fare progressi e più giri sulla moto”.

Articoli che potrebbero interessarti