Jack Miller: "Mai stato così felice da quando sono in MotoGP"

"Le possibilità di vincere la prima gara ci sono, ma voglio rimanere con i piedi per terra. La possibilità di vaccinarsi va nella giusta direzione nella lotta contro il Covid"

Share


Difficilmente oggi il tempo di Miller, considerato il forte vento, verrà battuto, quindi l’australiano della Ducati rimarrà il pilota più veloce di sempre in Qatar. L’ingresso nella squadra ufficiale di Borgo Panigale sembra avere fatto bene a Jack, che ora sembra più tranquillo e serio, una maturità che si riflette nelle sue prestazioni.

Mi sento bene e sono calmo, non vedo l’ora di iniziare con la prima gara - dice - Sinceramente mi sono divertito in questo test, non sono mai stato così felice in MotoGP però bisogna tenere i piedi per terra perché possono capitare tante cose in questa stagione”.

Però il 2021 sembra essere l’anno giusto per lui e la prima vittoria sull’asciutto in MotoGP potrebbe arrivare presto, magari già fra un paio di settimane per il GP inaugurale di Losail.

Sicuramente ho maggiori possibilità di riuscirci - conferma Jack - Mi sento pronto per la gara, ieri ho fatto una buona simulazione e oggi ne ho in programma un’altra. La cosa più importante è avere aumentato la mia fiducia nell’anteriore, soprattutto nelle curve veloci, ora riesco a essere più rapido e riesco a usare tutta la pista come non mi succedeva prima”.

Anche la gomma posteriore Michelin che aveva creato problemi a tanti piloti lo scorso anno ora sembra essere sotto controllo.

Non ricordo particolari problemi neanche nei test della scorsa stagione, ma in Qatar la Ducati ha sempre funzionato bene, bisognerà aspettare piste più critiche come erano state Brno e Misano - osserva Jack - Nella seconda parte del 2020 mi sono adattato bene a quella gomma e in questo test mi sono trovato immediatamente a mio agio”.

Non resta che dare uno sguardo a chi saranno gli avversari più temibili.

Le Suzuki non vanno male, sia con Rins che con Mir - inizia la disamina - Poi ci sono le due Yamaha ufficiali, che sono state veloci per tutto il test, ma il pilota che mi ha impressionato di più è stato Pol Espargarò sulla Honda. Morbidelli? Non avere una moto ufficiale potrebbe essere uno svantaggio su questa pista, ma per il campionato ci sarà. Lui è un vero pilota, viene fuori in gara”.

Prima di congedarsi, Miller ha confermato che anche lui si vaccinerà: “senza nessun dubbio, siamo molto fortunati a poterlo fare così presto, soprattuto per noi che rischiamo tanto viaggiando molto. Penso che questa opportunità vada nella direzione giusta nella lotta contro il Covid”.

Articoli che potrebbero interessarti