MotoGP, Pit Beirer: "KTM darà a Petrucci ció che Ducati non è riuscita a dare”

"Non vinci due Gran Premi in MotoGP per caso e noi saremo più bravi ad offrire a Danilo un clima familiare. Sapremo tirare fuori il massimo dal suo talento"

Share


Durante la nostra intervista di qualche giorno fa a Danilo Petrucci, è apparso chiaro quanto possa essere importante per il pilota ternano essere circondato da un clima famliare e sereno nel box. Una situazione che forse non ha vissuto completamente nei suoi due anni da ufficiale Ducati e che invece aveva sperimentato nel periodo precedente passato in Pramac.

Adesso Danilo è pronto a salire sulla KTM del Team Tech3, e Pit Beirer, responsabile del progetto KTM in MotoGP, ha piena fiducia nel fatto di riuscire a restituirgli quella serenità che forse è mancata negli ultimi due anni. Gli altri tre piloti di KTM sono alla seconda o terza stagione in MotoGP e sarà dunque proprio Petrucci il pilota esperto nel gruppetto tra quelli impegnati in pista. In una intervista rilasciata ai colleghi di Speedweek, Beirer sembra quasi rispondere alle parole di Petrucci ed appare più che convinto di aver fatto la scelta giusta puntando su di lui..

"Ho già conosciuto un po Danilo. Avrà bisogno dell'ambiente familiare che possiamo certamente offrirgli - ha ichiarato Beirer -  È un tipo di pilota che deve sentirsi a proprio agio nel suo ambiente. Gestiremo quest'area meglio della sua squadra precedente. Danilo ha già vinto due Gran Premi. Non puoi diventare un vincitore di GP in MotoGP per caso. Devi avere un'incredibile talento da pilota per vincere in questa classe. Ora tocca a noi tirare fuori questa abilità da Danilo".

La certezza di avere una moto competitiva è di certo un elemento determinante nell'approccio di KTM alla stagione 2021, un anno che sarà fondamentale per confermare la grande crescita mostrata nel 2020 e magari fare degli ulteriori passi in avanti. 

"Adesso abbiamo una MotoGP che senza troppi punti interrogativi può essere definita competitiva. Quindi avremo una moto competitiva e lavoreremo intensamente con Danilo. Come tutti e quattro i piloti della MotoGP, Danilo andrà al Red Bull Athletic Performance Center di Thalgau. Lì la Red Bull aiuta i piloti a prepararsi in modo ancora più professionale. Questo aspetto da solo vale moltissimo per Danilo".

Petrucci ha ovviamente apprezzato questo ulteriore sforzo congiunto di KTM e Red Bull. 

"All'improvviso Danilo si è reso conto che ci stavamo prendendo cura di lui. Non vogliamo mandarlo in gara alle 14 di domenica e chiedergli alle 15 perché non ha fatto di meglio. Vogliamo prenderci cura di lui anche in inverno, per migliorare la sua mente, il suo corpo, l'alimentazione e l'allenamento. Lo sappiamo anche per l'esperienza nelle altre discipline sportive: ci sono tante piccole cose che contano, e certamente non solo la moto. Sappiamo che anche con una moto al top, un pilota non è automaticamente veloce ovunque. Con una struttura come l'Athletic Performance Center, vogliamo rendere i nostri piloti ancora migliori e rafforzarli".

Beirer ha anche parlato di Lecuona, un pilota il cui potenziale non è stato ancora completamente espresso. 

"Nella sua prima stagione in MotoGP, Iker ha ottenuto tre top ten. A Misano ha quasi portato a casa un sesto posto. Continuerà a migliorare nella sua seconda stagione in MotoGP e il fatto che la nostra moto sia destinata a migliorare lo aiuterà ancora di più".

Share

Articoli che potrebbero interessarti