Tu sei qui

MotoGP, Marquez: tre cadute? colpa mia, ma dovevo spingere

Marc si prende le sue responsabilità ma ribatte: "si corresse domani sarei da podio"

MotoGP: Marquez: tre cadute? colpa mia, ma dovevo spingere

Il precampionato per la Honda si è concluso con la terza e ultima notte di test in Qatar. Alla fine il migliore dei piloti HRC è stato Dani Pedrosa che ha concluso con il terzo tempo (1'54.469 "al giro 46 di 50), mentre Marc Marquez, vittima di tre scivolate ha chiuso in 10a posizione (1'54.990" al 12 ° giro di 47).
Entrambi comunque hanno completato il loro programma di test, che comprendevano prove di elettronica, aerodinamica e gli assetti di gara, con l’obiettivo di mantenere un buon passo di gara. Dani ha proseguito sin quasi alla fine della sessione, migliorando ulteriormente il suo tempo.

Marc è caduto una volta molto presto nella sessione e due volte dopo le nove di sera, senza conseguenze, ma ha dovuto interrompere la sua simulazione di gara al  sesto giro mentre girava sul passo di 1'55" e qualcosa.

"Credo che oggi sia stata stata una giornata positiva in generale - ha confessato Pedrosa - Abbiamo avuto un paio di cose da risolvere ieri, e passo dopo passo abbiamo migliorato, la nostra fiducia, i tempi sul giro e il ritmo in generale. C’è stato un miglioramento ma abbiamo ancora del lavoro da fare. Questa pista non è una delle mie preferite, ma la squadra ha fatto un ottimo lavoro. Siamo in una forma migliore rispetto allo scorso anno e cercheremo di la motivazione per fare del nostro meglio alla prima gara”.

Nonostante la serata non sia stato il modo migliore per chiudere le prove invernali Marquez ha mostrato l’usuale fiducia.

“Sono contento del ritmo che siamo stati in grado di tenere oggi, ma, naturalmente, non è stato il miglior test di precampionato per noi. Sono caduto tre volte, la prima, proprio all'inizio perché la moto aveva una oscillazione alla curva 4 e ho frenato tardi. Poi, più tardi nella notte ho perso l'anteriore due volte, e in particolare l'ultimo incidente durante la mia simulazione di gara è stato colpa mia. Ma quando si sta facendo un long run è necessario cercare di spingere, altrimenti non si può capire dove sei veramente. In ogni caso, meglio che genere di cose accada ora, durante un test, e speriamo che quando verremo qui per la gara saremo in grado di gestire meglio le cose. Come ho detto, il nostro ritmo è abbastanza buona; solo Maverick è più veloce di tutti qui, ma se dovessimo gareggiare domani credo chesaremmo in grado di lottare per il podio”.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti