Tu sei qui

MotoGP, Jarvis: "A Sepang la versione definitiva del motore Yamaha 2023"

"Quest'anno Quartararo ha guidato molte volte sopra e oltre il limite, gli serve una moto che gli garantisca più margine. Il motore 4 in linea non è un limite, ha ancora margine di miglioramento"

MotoGP: Jarvis:

Non c’è bisogno di sbirciare la letterina scritta a Babbo Natale per sapere il regalo che Fabio Quartararo vorrebbe trovare sotto l’albero: cavalli, cavalli e ancora cavalli. Non il simpatico quadrupede, ma la sua controparte a vapore, che manca al motore della Yamaha. A Iwata sanno che quello è il loro punto debole e infatti si sono aperti a una collaborazione esterna con l’ingegnere italiano Luca Marmorini.

I primi risultati, nei test durante la stagione, erano stati buoni, anche quelli con il collaudatore Crutchlow, ma negli ultimi primi della pausa invernale, a Valencia, qualcosa non ha funzionato. Sia Quartararo sia Morbidelli non hanno trovato la potenza che si aspettavano. Quindi a febbraio, in Malesia, non si potranno fare errori.

Lo sa bene Lin Jarvis, managing director di Yamaha, che ha promesso novità per quell’occasione:  “la versione finale del motore della prossima stagione arriverà a Sepang, perciò abbiamo ancora qualche mese per svilupparlo e perfezionarlo” ha dichiarato a crash.net.

Per combattere contro la Ducati (ma anche Honda, Aprilia e KTM sono messe meglio per quanto riguarda la cavalleria) Quartararo ha bisogno di un aiuto e i vertici di Iwata lo sanno.

Fabio ha guidato molte volte sopra e oltre il limite per essere competitivo, usando tutte le sue capacità - gli ha riconosciuto Jarvis - La maggior parte delle persone pensa che Ducati sia la moto più completa e, essendocene 8, è veramente dura. Perciò dobbiamo sviluppare una moto migliore che ci permetta di avere più margine e lottare in gara”.

La M1, il prossimo anno, sarà l’unica moto sullo schieramento con un motore 4 in linea, mentre tutti i rivali puntano sul V4.

Abbiamo deciso di continuare con il 4 in linea e dopo il ritiro di Suzuki saremo l’unico costruttore. Abbiamo molta esperienza e secondo noi non è l’architettura del motore il limite. Naturalmente, ogni tipo di propulsore ha le sue caratteristiche, ma il 4 in linea ha ancora margine di sviluppo” ha garantito Lin.

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy