Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo: "come ultimo tentativo mi piacerebbe vedere Rossi sulla Ducati"

"Penso che questa sarà la sua ultima stagione, ma forse mi sbaglio. Forse la Ducati gli darebbe un feeling migliore di quello che ha avuto negli ultimi anni con la Yamaha"

MotoGP: Lorenzo: "come ultimo tentativo mi piacerebbe vedere Rossi sulla Ducati"

Share


Cinquecentoottantuno giorni dopo la sua ultima vittoria - a Valencia nel 2019 - Marc Marque è tornato sul gradino più alto del podio al GP di Germania, al Sachsenring. Per questo Jorge Lorenzo nel suo VLOG '99Secondi' ha parlato del successo del suo connazionale, nonché ex compagno di squadra.

“Marc ha vinto di nuovo. Il migliore è tornato. Lo dico chiaramente. Il migliore ha vinto indipendentemente dal fatto che Quartararo sia in testa al campionato del mondo o che arrivino piloti più giovani, come lo stesso Fabio o Joan Mir. Márquez è ancora il miglior pilota, tecnicamente e fisicamente è una bestia e vuole sempre vincere. La sua ambizione è maggiore di quella di tutti gli altri. Quando si riprenderà al 100% tornerà è sarà forte come prima. Non vincerà tutte le gare, forse, ma sarà di nuovo molto competitivo".

Lorenzo: "Marquez è il migliore, indipendentemente dai giovani che sono in pista"

Jorge ha riconosciuto anche che undici vittorie di fila sullo stesso circuito, in tre categorie diverse, sono qualosa di fantastico.

"È il re al Sachsenring per un motivo. Undici vittorie di fila sono un bottino incredibile. È un circuito che gira tutto a sinistra, molto stretto e insidioso ma le prime due sezioni si adattano bene alla Honda. Sappiamo che la partenza è fondamentale e Marc à stato un razzo. Anche la pioggia gli ha fatto bene. Oliveira lo ha raggiunto, ma Marc aveva già il controllo della gara".

Il pilota portoghese per Jorge sarà fra i pretendenti al titolo.

Lorenzo: "Oliveira è stato paziente e arriverà a giocarsi le vittorie con Quartararo e Marquez"

"Il GP di Germania d’altra parte ha anche messo in evidenza Miguel Oliveira. Il  portoghese è in gran forma: secondo al Mugello, primo a Barcellona e secondo al Sachsenring. Lui, Márquez e Quartararo si divideranno le vittorie, con l'eccezione di uno o due piloti Ducati. Il talento ha vinto nel caso di Oliveira che con pazienza ha trovato il suo posto in KTM e ha iniziato a ottenere i risultati che merita. E’ stato bravo e deve continuare così".

Lorenzo poi prosegue parlando di Quartararo e Aleix Espargarò.

"Anche Fabio Quartararo sta andando alla grande. Questi sono stati punti molto preziosi e lui è ancora il leader del mondiale. All'inizio lo ho visto un po' esitante, ma alla fine ha ottenuto un ottimo terzo posto. Aleix Espargaró dal canto suo è protagonista di una grande stagione, sta facendo meglio che mai. È la prima volta che parte prima fila. Ha fatto una partenza fantastica, ma non ha lottare per il podio, ma ci si sta avvicinando."

Quindi Jorge, come di suo solito, ha espresso la sua opinione senza filtri sui due grandi sconfitti del Sachsenring.

Lorenzo: "Vinales: se sei moralmente giù non puoi vincere in MotoGP"

"Morbidelli e Viñales sono stati la delusione in Germania. In MotoGP se hai problemi o se sei moralmente giù passi dal vincere all'arrivare ultimo, ed è quello che è successo a Viñales. È stato il periodo peggiore della sua carriera. Dall'esterno è difficile valutare quello che succede box. Maverick è il pilota che ha cambiato più tecnici negli ultimi anni, ma è stato dimostrato che il pilota è la cosa più importante. Ovviamente la moto è essenziale, ma poi bisogna guardare il pilota. Il problema di Viñales è nella sua testa e nella sua convinzione. È il modo in cui si affrontano i problemi. Se sei positivo e vedi il bicchiere mezzo pieno e non mezzo vuoto. In breve, penso che questo sia il problema di Maverick".

Lorenzo: "sarebbe una grande spinta per Valentino correre l'ultima stagione in Ducati"

Finito di discorrere dei suoi ex compagni d'arme Jorge ha rivolto la sua attenzione a Valentino Rossi e lo ha fatto esprimendo due pareri discordanti: il primo è che Vale si ritirerà a fine stagione; il secondo che forse farebbe bene ad accettare la sfida Ducati nel team da lui stesso creato con la VR46.

"A 42 anni sta soffrendo molto quest'anno. Attualmente è 19° con solo 17 punti. È molto difficile prevedere cosa succederà. Ma la sensazione che ho e se dovessi scommetterci sopra è che Valentino è molto probabile che si ritiri in questa stagione. Detto questo, mi piacerebbe vederlo come ultimo tentativo su quella Ducati, e sarebbe una grande spinta per lui. Forse gli darebbe un feeling migliore di quello che ha avuto negli ultimi anni con la Yamaha. Penso che questa sarà la sua ultima stagione, ma forse mi sbaglio".

 

Articoli che potrebbero interessarti