Tu sei qui

MotoGP, Barcellona: Iannone il più veloce, ma i big restano ai box

I TEMPI. La pista bagnata al mattino costringe la maggior parte dei team a rimandere le prove. In pista Aprilia, KTM e Suzuki

MotoGP: Barcellona: Iannone il più veloce, ma i big restano ai box


È stata una giornata di test a ranghi ridotti quella di Barcellona, dove tutti i team di MotoGP si erano presentati in forza. La pioggia caduta nella notte ha infatti fatto preferire alle squadre di rimandare le prove a domani, quando il meteo dovrebbe garantire di potere girare senza problemi.

Sono scesi in pista, quindi, solo i piloti di Aprilia, KTM e Suzuki che, essendo nel regime di concessioni, non hanno limitazioni nelle giornate di test durante l’anno.

Le prove al Montmelò sono doppiamente importanti in vista del GP di giugno perché la pista non solo è stata completamente riasfaltata, ma è tornata anche al suo disegno classico. In altre parole non si percorrerà più la chicane in stile Formula 1 introdotta dopo l’incidente che era costato la vita a Luis Salom

Se la giornata è iniziata con le gomme rain, con il passare delle ore il sole ha asciugato l’asfalto consentendo ai piloti di prendere confidenza con la pista. Il più veloce è stato Andrea Iannone che con la Suzuki ha fatto il miglior tempo in 1’40”422. In linea con i tempi dell’italiano anche i due fratelli Espargarò: Pol, con la KTM, è stato più lento di 97 millesimi, un decimo netto il ritardo del fratello Aleix sull’Aprilia. Non è distante neppure Alex Rins, a 0”180 dal compagno di squadra.

Di poco superiore al mezzo secondo il gap di Scott Redding, davanti alle KTM del collaudatore Kallio (+ 0”674) e di Bradley Smith (+ 0”712). Più distante il tester della Suzuki Guintoli che chiude la breve classifica.

Domani, come detto, dovrebbero scendere in pista tutti i piloti.

I TEMPI

Photo credits Circuit de Barcelona

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti