Tu sei qui

MotoGP, Rins ancora in forse per Buriram: la Honda a caccia di una riserva

Stefan Bradl è impegnato a Jerez per dei test MotoGP e Iker Lecuona nel fine settimana affronterà l'ultima gara del mondiale Superbike. Nel 2023 non si è ancora svolto alcun GP con tutti i 22 piloti titolari

MotoGP: Rins ancora in forse per Buriram: la Honda a caccia di una riserva

Share


La Honda non ha ancora deciso chi sarà il sostituto di Marc Marquez nel team interno dell’HRC. Si continua a fare il nome di Oliveira - che comunque dovrebbe interrompere il suo contratto con Aprilia - mentre affiora come il relitto di un naufragio anche il nome di Fabio Di Giannantonio, ma per il team LCR Honda, qualora Lucio Cecchinello accettasse che il ‘suo’ Johann Zarco emigrasse nel team Repsol Honda.

In realtà si tratta solo di rumori, anche se solitamente dove c’è fumo c’è fuoco. Per questo il manager di Diggia, Diego Tavano, si recherà questo fine settimana in Thailandia.

Già perché nel folle mercato di ottobre, l’eventuale partenza di Oliveira libererebbe un posto per Fabio anche in Aprilia.

Il fatto è che piloti di MotoGP non si trovano facilmente, né li porta la cicogna e lo sa bene la Honda che per Buriram si ritrova per l’ennesima volta con il rischio di ritrovarsi senza Alex Rins che, come ricorderete, ha dato forfait a Phillip Island sabato prima delle terze prove per il riacutizzarsi dei dolori alla gamba fratturata.

Ciò significa che nel 2023 non si è ancora svolto alcun Gran Premio con tutti i 22 piloti titolari. Con buona pace dei geni che non si sono resi conto che il motociclismo non è la F1, dove a danneggiarsi è tutt’al più una scocca, e raddoppiare le gare ha inevitabilmente comportato un raddoppio degli incidenti.

Il problema, per questo fine settimana, è che il GP della Thailandia è in contemporanea con l’ultima gara del mondiale Superbike a Jerez. Il che significa che Iker Lecuona non sarà disponibile.

Anche il collaudatore dell’HRC, l’ex iridato della Moto2 Stefan Bradl non potrà esserci perché impegnato domani e mercoledì proprio a Jerez proprio per dei test del prototipo Honda RC213-V 2024.

Stefan ha sostituito Rins alla LCR-Honda ad Assen dove è arrivato 13°, in India (15°) e poi a Motegi (14°), dove era stato chiamato dalla HRC come pilota di riserva ed è intervenuto dopo che l'infortunato Rins aveva dovuto rinunciare per il troppo dolore.

Bradl sarebbe stato il candidato ideale perché conosce il tracciato, avendovi corso nel 2017 nel mondiale Superbike al fianco di Nicky Hayden.

Ancora una volta la Honda è sorpresa fuori guardia, senza una strategia, che non sia quella di far correre ancora il 33enne Takuma Takahashi che però non si è qualificato a Misano per aver mancato il tempo minimo di qualificazione.

 

Articoli che potrebbero interessarti