Tu sei qui

MotoGP, Vinales si pente: "Chiedo scusa a Yamaha, ero al top della frustrazione"

VIDEO Maverick intervistato da Sky: "c'è stata un'esplosione dentro di me, ma non volevo mettere a rischio nessuno. Non so se potremo ricucire il rapporto"

MotoGP: Vinales si pente: "Chiedo scusa a Yamaha, ero al top della frustrazione"

Share


Maverick Vinales, per la prima volta dopo la decisione di Yamaha di sospenderlo per il Gran Premio d’Austria, ha parlato per fornire la sua versione dei fatti. Per farlo ha scelto le telecamere di Sky, intervistato da Antonio Boselli.

Sono triste, molto triste, è un situazione molto strana ed è difficile per me esserci - le prime parole dello spagnolo - Sono fortunato nell’avere gente vicino che mi sta tenendo su. Sono triste per come è andata, ho provato tanta frustrazione dentro me dopo tante gare che non erano andate come pensavo”.

Tutta quella tensione si è tradotta nel comportamento tenuto negli ultimi 3 giri del GP della scorsa settimana, in cui Maverick ha portato più volte il motore della Yamaha fuorigiri nel corso degli ultimi 3 giri della gara. Cosa che Vinales non ha negato.

È stata un momento di frustrazione molto grande - ha spiegato -  La prima gara dell’anno era stata perfetta, sono tornato per la seconda metà della stagione con molta forza ma è andato tutto storto. C’è stata esplosione dentro di me che non ho canalizzato modo giusto, chiedo scusa a Yamaha, non ho guidato nel modo giusto in quei giri”.

Il mea culpa dello spagnolo è stato totale.

Alla fine ho una voglia molto grande di vincere e da tanto tempo non sentivo bene, ci ho provato, ma questa frustrazione mi ha spinto a fare questo. Però in nessun momento ho voluto mettere a rischio me stesso o qualcun altro - ha sottolineato - Sono triste perché ultimi giorni difficili da gestire, voglio ancora chiedere scusa a Yamaha, non era mia intenzione finire così”.

Vinales ha ricevuto la solidarietà di tanti altri piloti.

In questi giorni ho scoperto che c’è tanta gente meravigliosa nel paddock, tanti piloti con cui non avevo grande relazione sono statifantastici. Ho ricevuto messaggi molto belli, io voglio tenere duro in questo momento”.

C’è spazio per ricucire il rapporto per la Yamaha?

Non lo so, per il momento. Voglio stare tranquilli, riflettere e tornare forte. Rispetto la decisione della Yamaha, sono un loro pilota” ha concluso.

 

Articoli che potrebbero interessarti