MotoGP, Aprilia punta a Jorge Lorenzo e Cal Crutchlow per il 2021

Sono iniziate le trattative con il maiorchino per rafforzare il test team. Sfumate le possibilità di avere Dovizioso, il britannico in pole per sostituire (eventualmente) Iannone

Share


Aprilia sta cercando di costruire il suo futuro, sulla base di un presente che ha reso tutto più difficile. C’è stata la pandemia del Covid a scombinare i piani di sviluppo e la vicenda legata al doping di Iannone a privare Noale di un suo pilota. È stata la peggiore situazione possibile nell’anno in cui il progetto è stato rivoluzionato, con l’arrivo della nuova RS-GP. La priorità era fare chilometri e raccogliere informazioni, cosa che è mancata per cause esterne.

Aprilia è corsa ai ripari nell’unico modo possibile: promuovendo Bradley Smith a pilota e cercando di velocizzare l’apprendistato di Lorenzo Savadori come tester. È stato senza dubbio un tappare una falla con quello che si aveva in casa, ma alternative non ce n’erano.

Massimo Rivola, però, deve ora programmare il futuro e sta cercando di farlo, anche se con qualche difficoltà, dovendo ancora aspettare fino a metà novembre, quando si pronuncerà il TAS, per capire il futuro di Iannone.

Una delle priorità è il test team, che dovrebbe essere formato da due collaudatori. Il primo, già sicuro, è Lorenzo Savadori, che correrà le ultime tre gare della stagione per aumentare la sua esperienza.

E il secondo? Bradley Smith non farà più parte della squadra e a Noale stanno cercando di accaparrarsi Jorge Lorenzo. I colleghi di Speedweek hanno dato l’accordo come già fatto, ma in verità non è esattamente così. Al contrario, si è nelle prime fasi della trattativa.

Scontato dire che avere fra i propri ranghi il maiorchino sarebbe un valore aggiunto, la sua conoscenza della MotoGP (con un passato in Yamaha, Ducati e Honda) varrebbe oro per fare crescere la RS-GP. I rapporti di Yamaha con Lorenzo sembrano ormai essere a un punto morto e con Aprilia Jorge potrebbe continuare ad andare in moto e contribuire alla crescita del progetto.

Certamente, la componente economica avrà il proprio peso per entrambe le parti, ma i vertici di Noale vogliono provare a prendere il maiorchino.

Con lui il test team sarebbe completo e rafforzato, ma la squadra?

Come detto, bisognerà aspettare ancora per capire se Iannone, che Aprilia ha aspettato per tutti questi mesi, potrà risalire in sella già all’inizio del 2021.

Nelle scorse settimane, Rivola non ha nascosto che le alternative ad Andrea sono due: Dovizioso e Crutchlow.

Con il Dovi ci sono stati contatti, ma in questo momento le possibilità di un accordo sono ridotte al lumicino e le voci che lo vorrebbero collaudatore per Yamaha ne sono una dimostrazione. Formare una coppia tutta italiana sarebbe un sogno per tanti motivi, ma sembra destinato a rimanere tale.

A questo punto, le quotazioni di Cal prendono quota. Il britannico ha affermato più volte il suo desiderio di unirsi ad Aprilia e, a questo punto, si potrebbe dire che al 90% (nel caso Iannone non venisse assolto, rimane chiaro) riuscirà a realizzarlo.

Se così fosse, la Casa di Noale avrebbe Aleix Espargarò, che conosce bene moto e squadra, e Cal Crutchlow, che potrebbe portare informazioni da Honda, come piloti. I due Lorenzo, Savadori e Jorge, sarebbero invece i collaudatori, con uno di enorme esperienza e l’altro giovane e con tanta voglia di fare.

Questo è il piano di Massimo Rivola, che sta cercando di costruire una base solida per rilanciare Aprilia. Nei mesi scorsi lo ha fatto con l’innesto di volti nuovi nel reparto corse (attingendo anche dalla Formula1), ora si sta concentrando sui piloti.

L’obiettivo è uno: fare del 2021 l’anno di quella svolta da tempo attesa.

Share

Articoli che potrebbero interessarti