MotoGP, Petrucci: “Sono veloce a Le Mans, ma non so il perché”

 “Qua la frenata fa la differenza e con la Ducati ho le giuste sensazioni” Miller: “Siamo veloci sia sull’asciutto che sul bagnato”

Share


Toh, chi si rivede! Verrebbe proprio da dire così nel ritrovare Danilo Petrucci in prima fila a Le Mans. La sua Ducati spicca infatti sulla terza casella dello schieramento in vista di un Gran Premio che si preannuncia a dir poco incandescente.

La prestazione è di quelle incoraggianti per il pilota di Terni, giunta dopo non poche difficoltà incontrate in questo 2020.

“Sono molto contento di questo risultato – ha esordito Danilo - sapevo di poter fare un bel weekend qua a Le Mans. Stamani, nelle FP3, ho trovato le bandiere gialle che hanno inciso sul mancato accesso diretto alla Q2, dovendo passare dalla Q1. A parte ciò, qua in Francia mi trovo bene e lo stesso discorso è valso per Barcellona. Purtroppo da ottobre ho faticato tanto con la moto, però due settimane fa la situazione è cambiata. Credo sia una bella cosa partire dalla prima fila, soprattutto per quanto riguarda la gestione della gara”.

Danilo entra poi nel merito di questo fine settimana.

“Non è stato possibile fare grandi stravolgimenti in sella alla moto tra le libere del mattino e le qualifiche, ma già sapevo cosa fare fin dall’inizio del weekend. Essere forti in frenata è fondamentale a Le Mans, al fine di avere stabilità, ma soprattutto per attaccare e difendere la posizione in gara”.

C’è però qualche dubbio da parte sua.

“Sinceramente non ho ancora capito come mai sono così veloce, di sicuro Le Mans mi piace. È un tracciato che non presenta troppe curve strette e il lavoro svolto a Barcellona possiamo portarlo avanti anche qua in Francia. Tra i tanti aspetti cito poi le gomme e il fatto di trovare da subito le giuste sensazioni”.

In Francia la sua Ducati sembra però faticare per quanto riguarda la velocità di punta.

“La velocità massima è una dei nostri punti forti, ma già al Red Bull Ring perdevo troppo tempo in rettilineo. Non abbiamo ben capito il motivo. Ovviamente il mio peso è maggiore rispetto a quello degli altri piloti, ma è lo stesso della precedente stagione. A Barcellona ho faticato a difendermi e di conseguenza dovremo fare le giuste valutazioni”.

Oltre a Petrucci, in prima fila a Le Mans ci sarà anche Jack Miller, ieri incontenibile in condizioni miste.

“Al termine di questa giornata posso dire che siamo forti sul bagnato e anche sull’asciuttoha comentato – con la Ducati mi sono trovato bene sul giro secco e sul ritmo. Purtroppo ho dovuto fare  i conti con qualche problema nel corso delle FP4, ma siamo riusciti a lavorare per sistemare l’assetto”.

Nonostante l’incidente rimediato nelle FP3, Jack sa bene quale sia l’obiettivo per domenica.

“Purtroppo stamani ho dovuto fare i conti con quell’highside. Mi sentivo il collo rigido dopo la caduta. Adesso però dobbiamo pensare alla gara, dove sono consapevole di avere le carte per poter lottare alla vittoria”

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti