MotoGP, Crisi Honda, Alex Marquez: “Solo Marc riesce a guidarla al massimo"”

“Lui riesca ad arrivare al limite e tira fuori il 110% della moto. Sto soffrendo, non riesco a frenare e l'asfalto non aiuto"

Share


È un venerdì da horror quello della Honda! Per maggiori informazioni andarsi a rivedere i risultati dei quattro alfieri nelle FP2, relegati nelle ultime quattro posizioni ad eccezione di Takaaki Nakagami. Fa sicuramente male vedere uno dei marchi più prestigiosi nel mondo delle corse faticare così tanto.

Tra coloro che sono alla ricerca della giusta via da seguire compare  anche Alex Marquez, addirittura penultimo con un ritardo di un secondo e mezzo dalla vetta.

“Tutte le Honda stanno faticando qua a Misano ed è inutile nascondersi – ha esordito Alex – purtroppo non riesco a essere efficace in frenata. Non freno infatti come vorrei e mi manca la fiducia. Di ciò ne sono consapevole e dobbiamo risolvere subito il problema in vista del sabato”.

Alex entra quindi nel merito della questione.

“Una delle particolarità di questa moto è che bisogna essere aggressivi in frenata. Il fatto è che solo Marc sa come sfruttare al massimo il potenziale della moto, arrivando al limite e tirando fuori il 110%. Ovviamene mi confronto con lui, ma poi quello che sale in sella alla moto sono io”.

Come se non bastasse ci sono pure gli avvallamenti a creare difficoltà.

“Purtroppo l’asfalto non possiamo cambiarlo - ha scherzato Alex – bisogna più che altro adattarsi. Anche questo è un aspetto che va ad influire sulla staccata. Il fatto è che tutta la moto si muove e facciamo inoltre fatica nella parte veloce della pista, mi riferisco alla curve 9-10-11”.

Eppure il fratello minore di Marc non vuole arrendersi.

“Questa è la mia prima volta con la MotoGP a Misano e devo prendere fiducia. La cosa importante è che ho sensazioni migliori qua rispetto all’Austria. Per domani cercherò di compiere un passo avanti, concentrandomi più che altro sul trovare la giusta efficacia nel giro secco”.  

Share

Articoli che potrebbero interessarti