Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo: "Petrucci? Mi dà sempre la colpa"

La Direzione Gara scagiona Jorge. Il maiorchino sulla giornata: "il nuovo asfalto non ha migliorato nulla, ho ancora margine per migliorare"

MotoGP: Lorenzo: "Petrucci? Mi dà sempre la colpa"


La Direzione Gara ha chiamato Lorenzo per esaminare le immagini dell’incomprensione con Petrucci nelle FP2. Danilo si era lamentato, accusando il maiorchino di non avere prestato attenzione nel momento dell’ingresso in pista dalla corsia box. Il filmato ha però scagionato Jorge che, secondo gli Steward della FIM, stava procedendo a una velocità non ritenuta pericolosa.

Stavo andando alla velocità che serve per scaldare le gomme, non capisco di cosa si lamenti Danilo - spiega Lorenzo - In pista non mi sono accorto di nulla, poi mi sono spaventato vedendo le immagini: non mi ha tamponato per forse mezzo centimetro, se mi avesse preso mi avrebbe spedito sulla luna. Ci sono sempre due versioni, sicuramente Petrucci dà la colpa a me come ha fatto tante volte”.

Nelle FP2 ha avuto anche un’incomprensione ai box, a causa di una non perfetta segnalazione su dove fermarsi al suo rientro.

Non si siamo semplicemente capiti - minimizza - Mancavano le indicazioni, ma metteremo tutto a posto per domani”.

Una giornata importante per Lorenzo, che deve ancora sistemare gli ultimi dettagli sulla sua Desmosedici.

Oggi è stato complicato - spiega - Avevamo grandi aspettative per il nuovo asfalto, invece non hanno migliorato nulla: c’è meno aderenza e più avvallamenti, infatti abbiamo girato tutti in tempi relativamente alti. Inoltre arrivavo dai test a Misano, una pista liscia e con tanto grip, e ci ho messo un po’ a trovare la strada giusta”.

Alla fine, Jorge ha fatto segnare il 5° tempo a circa 4 decimi da Dovizioso.

Rispecchia la mia situazione attuale, perdo ancora troppo in alcune frenate - ammette - Però ho fatto progressi rispetto al mattino e, se domani gireremo sull’asciutto, sono sicuro di potere fare un altro passo in avanti”.

Poi bisognerà vedere cosa deciderà il cielo per la gara.

Spero naturalmente nell’asciutto, ma soprattutto che non sia una gara flag-to-flag. Sul bagnato, invece, penso potremo essere competitivi” conclude.

Articoli che potrebbero interessarti