Tu sei qui

MotoGP, Rossi: lento sia sull'asciutto che sul bagnato

"Una giornata frustrante. Bene il nuovo asfalto, la colpa è nostra. La Ducati? hanno fatto una gran moto, sarà difficile da battere"

MotoGP: Rossi: lento sia sull'asciutto che sul bagnato

Share


Sono riuscito ad andare abbastanza piano sia sull’asciutto che sul bagnato”, Valentino cerca di trovare il lato ironico della giornata ma non ha molta voglia di ridere. Al mattino è stato 16°, il pomeriggio sotto la pioggia 15°, non certo quello che si aspettava.

Come diciamo sempre quest’anno ogni fine settimana cambia tutto, anche se alla fine si spera sempre che non succeda - commenta Rossi - Oggi però è stata una giornata frustrante, sull’asciutto al momento di fare un giro veloce non avevo fiducia nell’anteriore, mentre sul bagnato credevo di andare meglio.

Facciamo un passo indietro e iniziamo dal mattino, quando il Dottore si è fermato a bordo pista sulla sua M1.

Un piccolo problema tecnico, la M1 si è spenta per il sistema di sicurezza, ma non sono riuscito a riportarla al box e ho perso sia un treno di gomme sia la moto, che era quella con il nuovo telaio - specifica - Comunque sull’asciutto non sono andato così male, riuscivo a tenere un buon passo con le gomme medie, quelle da gara”.

Poi, a 10 minuti dalla fine, ha montato le morbide per entrare in Top 10 e classificarsi per la Q2.

Sono rientrato e non avevo più fiducia con l’anteriore, continuava a chiudersi, quando succede su questa pista perdi un sacco di tempo - spiega - Era importante stare nei 10 ma non c’è stato verso”.

Quando ha visto la pioggia nel pomeriggio sperava di rifarsi.

L’anno scorso sul bagnato ero andato forte, ma oggi non riuscivo a spingere - dice - Non è colpa della pista ma nostra, l’asfalto non ha buche e un gran grip. Penso che siamo troppo lontani dal bilanciamento ideale della moto in quelle condizioni, abbiamo provato a fare delle modifiche ma non abbiamo risolto molto”.

A questo punto, Valentino non sa se sperare che domani ci sia il solo o la pioggia.

Con l’asciutto potrei provare a entrare nelle Q2, altrimenti diventerebbe tutto più difficile - riflette Valentino - Però domenica potremmo correre sul bagnato e bisognerebbe migliorare anche in quelle condizioni”.

I dubbi, al momento, superano le certezze, a differenza di quanto succeda ai rivali. Soprattutto la Ducati.

Quest’anno hanno fatto una gran moto - riconosce Valentino - Sono costantemente davanti in tutte le piste e in tutte le condizioni, asciutto, bagnato o umido. Saranno difficili da battere”.

Articoli che potrebbero interessarti