Tu sei qui

MotoGP, Maverick Vinales attaccato su Twitter: cancella il suo account

Era circolata la bufala di una sua minaccia di ritiro e lo spagnolo si era trovato al centro di una tempesta sui social. Ancora una volta deve trovare tranquillità

MotoGP: Maverick Vinales attaccato su Twitter: cancella il suo account

Share


Se su Twitter state cercando aggiornamenti da parte di Maverick Vinales e non li trovate, non è un problema del vostro smartphone. Il pilota spagnolo ha infatti deciso di cancellare il suo profilo sul social network, che era seguito da circa 363.000 persone. Perché Maverick ha deciso di dare un taglio con i cinguettii?

Il tutto è nato dopo la gara a Portimao, quando in Spagna si era diffusa una bufala: Vinales sarebbe stato così infuriato con Dorna per avergli cancellato il giro buono in qualifica da minacciare di ritirarsi. Come detto, una notizia falsa, ma è bastata che in tanti prendessero di mira il suo profilo Twitter. Il pilota spagnolo aveva risposto a queste voci con una risata, “non voglio fare altro che vincere” aveva scritto. Sui social, però,  continuavano a non dargli tregua. “Sono notizia inventate”, “tutti dobbiamo solamente ringraziare Dorna per il campionato che sta facendo”, “non cerco scuse e dico sempre la verità” alcune delle sue ultime risposte.

La tempesta era però iniziata e Maverick si è trovato, suo malgrado al centro, e così qualcuno  ha addirittura iniziato a scrivergli di lasciare la sua moto a Morbidelli. È stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Se qualcuno merita le mia moto, la prenda, non ho nessun problema, so dove voglio andare e lo farò a qualunque costo. E se qualcuno vuole criticarmi, dovrebbe cancellarmi dal suo account Twitter, altrimenti cancellerò il mio”. Promessa mantenuta.

Non è certo una novità che i social network (troppo) spesso si trasformino in campi di battaglia, in cui la verità delle informazioni riportate non conta e la voglia di insultare dietro una tastiera prevale. Vinales ha imparato le regole (o l’assenza di regole) del gioco sulla sua pelle e ha deciso di non farne più parte.

Il che può essere una  buona soluzione se gli permetterà di ritrovare tranquillità, il vero punto debole di un pilota dal talento immenso. Questa stagione, per lui, sembrava essere iniziata sotto la giusta stella: non si sentiva più all’ombra di Valentino, era arrivata una figlia nella sua vita, aveva vinto in Qatar. A Portimao sembra però essere precipitato nel vecchio circolo vizioso, da cui deve trovare una via di uscita. Moto e talento sono quelli giusti per recitare un ruolo da protagonista in MotoGP, ma deve crederci.

Dopo la vittoria in Portogallo, il suo compagno di squadra Fabio Quartararo ha spiegato quanto sia stato importante affidarsi a uno psicologo nell’inverno. Perché per un pilota la velocità è necessaria, ma la mente deve seguirla, senza incertezze. Questa disavventura sui social potrebbe essere una lezione importante per Maverick, quella di concentrarsi solo su se stesso. Ora dovrà dimostrare di averla imparata.

Articoli che potrebbero interessarti