MotoGP, Pernat: "La mia impressione è che Marquez non correrà neanche nel 2021"

VIDEO - "Honda potrebbe decidere di rimettere Alex nel team ufficiale. Dovizioso? Bisogna convincerlo, ora ha in testa il motocross"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


In questi giorni si parla molto di Marc Marquez, della sua terza operazione al braccio e dei tempi del recupero. Sull’argomento è intervenuto anche il ‘nostro’ Carlo Pernat in una diretta (che potete rivedere integralmente qui sopra) durante la quale ha anche risposto alle domande dei lettori.

È stata un’operazione molto difficile in cui sono stati coinvolti diversi specialisti, fra un mese ci sarà un controllo per capire se tutto è andato bene” ha spiegato.

Il manager genovese è pessimista sul fatto di rivedere Marquez in tempi relativamente brevi di nuovo in sella alla sua RC213V.

Secondo me ci sono tante possibilità che Marc non corra nel 2021, anche se spero di essere smentito dai fatti - ha affermato - Per recuperare dopo l’operazione gli serviranno 6 mesi e bisogna tenere presente che non sarà salito in moto da un’anno, quindi serviranno altri mesi per rivederlo in gara. Dopo quel lungo periodo di degenza servirà altro tempo”.

In questo caso, la Honda avrebbe una bella gatta da pelare.

Honda si deve muovere entro fine gennaio - ha avvertito Pernat - Mi sembra logico che sappia già che non rivedrà Marquez per almeno mezzo campionato, quindi ha due strade davanti a sé. La prima, che è quella supportata da Repsol, è quello di avere Alex Marquez insieme a Pol Espargarò nel team ufficiale, a questo punto in LCR ci sarebbero Nakagami e, forse, Dovizioso”.

Proprio il nome di Andrea è quello al centro delle più disparate voci in questo giorno, ma un eventuale accordo con lui potrebbe non essere semplice come si potrebbe immaginare.

Honda si deve muovere subito, deve andare da Dovizioso e proporgli un contratto di due o tre anni come collaudatore. Se gli offrisse un solo anno, o qualche gara in sostituzione di Marc, Andrea non accetterebbe - il consiglio del manager genovese - Puig e la Honda hanno un grande problema sul tavolo e devono decidere in fretta cosa fare, ma è una situazione molto delicata”.

Anche perché Andrea potrebbe non essere disponibile a fare da rimpiazzo.

So che Battistella a Portimao ha parlato con Puig, però il Dovi si è messo in testa questa idea del motocross. Andrea è la loro unica soluzione e ho l’impressione che dipenda più da lui, devono convincerlo” ha concluso.

 

Articoli che potrebbero interessarti