Tu sei qui

MotoGP, Pol Espargarò: "Per battere Valentino, Marquez doveva salire su una Ducati"

"Tutti pensavano che alla fine gli restasse solo un anno di contratto con Honda, ma in questo sport un anno è moltissimo. Acosta ha un grande talento, vincerà presto e Bastianini sarà il pilota da seguire con attenzione per il titolo"

MotoGP: Pol Espargarò:

Pol Espargarò si prepara ad affrontare la sua prima stagione da quasi ex pilota ma anche la prima in cui ricoprirà il ruolo di commentatore per DAZN in Spagna, continuando anche il lavoro di sviluppo per KTM in MotoGP, pronto eventualmente a sostituire uno dei titolari se fosse necessario. Un anno di grandi cambiamenti insomma per Pol, che ha rilasciato una lunga intervista ai colleghi di Marca in cui parla a tutto tondo della MotoGP, degli equilibri tra i Costruttori ed anche dei protagonisti più attesi all'alba di una stagione che potrebbe cambiare parecchio la scacchiera dei piloti. 

Il primo argomento di cui ha parlato è proprio il suo nuovo ruolo di commentatore. 
"Sta andando bene. Al momento non è cambiato molto per me perché, avendo fatto i test pre-stagionali, non ho fatto il Qatar, che è quello che mi è costato di più, ma sono stato in Malesia e finora è andata bene. Probabilmente soffrirò di più nelle gare quando sarò con il microfono di DAZN e non sarò in sella alla moto, ma anche il fatto che il progetto DAZN sia nuovo mi stimola molto e non vedo l'ora di iniziare questa nuova fase. Mi ispiro a Lorenzo e Pedrosa, al modo in cui loro rendono facili dei concetti che non sono semplici da spiegare".

Pol ha espresso le proprie idee su Pedro Acosta, astro nascente della famiglia KTM. 
"Penso che possa vincere presto. È passato molto tempo da quando ho visto un pilota così talentuoso debuttare in MotoGP. L'ho visto in Malesia e forse a Sepang è stato un po' più reale che in altri posti perché ha fatto tre giorni di test in più rispetto agli altri e quando gli altri sono arrivati aveva già un po' di esperienza su questo circuito, ma questa esperienza è quella che non avrà soprattutto nelle prime gare fuori dall'Europa, dove ha corso meno, e che avrà quando arriveremo in Europa, a Jerez per esempio. Quindi le prime gare credo che saranno un po' una curva di apprendimento, soprattutto per capire i nuovi riferimenti - perché cambiano molto dalla Moto2 alla MotoGP - le gare sprint del sabato, le qualifiche al mattino, c'è molta intensità. I fine settimana sono molto stressanti e lui dovrà adattarsi a poco a poco, ma sono convinto che quando arriveranno le gare europee e correrà sui circuiti a cui è più abituato, il suo vero talento verrà fuori. Comunque sia, penso che Pedro sia un grande talento e che lì vedremo il suo vero talento".

Altro argomento caldo è ovviamente Marc Marquez e la possibilità che vinca il mondiale. 
"Sì, lo vedo possibile. Dipenderà soprattutto da quello che farà nelle prime gare o da quello che faranno i suoi avversari nelle prime gare. Se non lo distanziano troppo nelle prime gare fino all'Europa, che sono le gare più complicate, può farcela. La cosa positiva è che non si correrà più in Argentina (recentemente cancellata) e questo favorisce Marc perché è un circuito dove non ha molta esperienza di guida come Jerez, per esempio. E se in queste prime gare non lo prenderanno alla sprovvista, credo che nella seconda metà della stagione Márquez potrà avere un grande impatto. Avrà accumulato molta più esperienza sulla moto e naturalmente potrà diventare campione perché ha un talento incredibile e la GP23 è una moto competitiva per vincere il Campionato del Mondo, non c'è dubbio".

Secondo Pol, l'attuale scenario tecnico della MotoGP ha costretto Marc a cambiare moto. 
"Nel mondo dello sport gli anni passano molto velocemente e soprattutto nel mondo del motociclismo, dove i piloti arrivano nella classe regina in così giovane età, il livello sale molto velocemente ed è vero che si può dire, beh , Avevo già solo un anno di contratto, ma un anno è molto lungo e diventa molto lungo nello sport d'élite non solo mentalmente, ma anche tecnicamente come guidano i nuovi piloti che arrivano, come devi riadattarti e reinventarti te stesso ogni anno, un anno è tanto, quindi ovviamente lo capisco e lui ha l'ambizione di continuare a vincere, vuole vincere un altro titolo mondiale, vuole superare Valentino Rossi nel numero di titoli, che ne ha otto, quindi sì voleva farlo, questo significava dover essere in Ducati in questo momento ed è quello che ci sta provando".

Infine la lista dei favoriti per il titolo nel 2024.
"Senza dubbio Marc Márquez e Pecco Bagnaia. E attenzione a Enea Bastianini, che l'anno scorso è stato sfortunato con gli infortuni e questo gli ha impedito di essere al top, ma credo che La Bestia sarà un pilota da seguire quest'anno. E metterei anche Aleix Espargaró e Brad Binder.... E, ovviamente, devo includere anche Jorge Martin".


Articoli che potrebbero interessarti