Tu sei qui

MotoGP, Rainey: "Risalendo sulla Yamaha 500 ho ritrovato una vecchia amica"

FOTO - Wayne ha guidato la sua moto insieme a Roberts, Schwantz e Doohan a Goodwood: "ero nervoso prima di partire, tornare a guidarla mi ha fatto sentire in un mondo totalmente diverso"

MotoGP: Rainey: "Risalendo sulla Yamaha 500 ho ritrovato una vecchia amica"

Share


Wayne Rainey è risalito sulla sua YZR500 vincitrice del campionato 1992 in un'emozionante esibizione al Goodwood Festival of Speed. È stata la prima volta che Rainey, rimasto paralizzato dal torace in giù in un incidente a Misano nel 1993, è salito nuovamente su una moto da corsa dopo l'incidente che ha messo fine alla sua carriera.

Wayne Rainey ha percorso la famosa salita a bordo di una versione appositamente modificata della sua YZR500. La moto è stata adattata dagli ingegneri di Yamaha in Giappone, che hanno modificato il sistema di cambio marcia in modo che Rainey potesse usare il cambio tramite i comandi sul manubrio sinistro.

Dopo una sessione di test privati all'inizio della settimana, Rainey è salito per la prima volta sulla collina tra gli applausi del pubblico giovedì, insieme al suo connazionale, campione Yamaha e capo del Marlboro Yamaha Team Roberts, Kenny Roberts, e agli ex rivali della 500 Kevin Schwantz e Mick Doohan.

"Ero piuttosto nervoso all'idea di guidare la YZR500, perché quando ho guidato la R1 è stato tutto abbastanza semplice, dato che le moto di oggi sono dotate di una grande quantità di elettronica, ma è un po' diverso con una 500 da Gran Premio - ha raccontato - Ma, a dire il vero, mi è sembrata una vecchia amica. È sempre stata una sfida correre con quella moto a quel livello, lottando per le vittorie di gara e i campionati, ma essere qui 30 anni dopo, poter salire sulla moto e guidarla su per la collina in un ambiente piacevole e tranquillo è fantastico. La moto era lì per me allora ed è lì per me oggi, quindi sono entusiasta”.

“Non sapevo cosa aspettarmi, non avevo idea di come mi sarei sentito, ma quando mi sono messo il casco e hanno acceso la moto, ho pensato: si parte - ha continuato Wayne - Poter salire sulla collina e percorrere le curve, guardare in basso e vedere che ero di nuovo sulla mia moto da Gran Premio dopo tutti quegli anni mi ha fatto sentire in un mondo completamente diverso, e farlo insieme a quei ragazzi, Kenny, Kevin e Mick… non avrei potuto chiedere di meglio che condividere questa esperienza con loro. Un enorme grazie al Duca di Richmond per avermi ospitato e alla Yamaha per aver tirato fuori la moto dal museo e averla adattata per farmela guidare".

Articoli che potrebbero interessarti