Tu sei qui

MotoGP, L'ONU condanna il circuito di Mandalika: "violati i diritti umani"

Il relatore speciale De Schutter ha denunciato che la popolazione locale sarebbe stata minacciata e intimidita per accaparrarsi i terreni

MotoGP: L'ONU condanna il circuito di Mandalika: "violati i diritti umani"

Share


Il circuito di Mandalika, in Indonesia, ha attirato l’attenzione del Consiglio dei Diritti umani della Nazioni Uniti, che nei giorni scorsi ha pubblicato un comunicato in cui condanna i metodi usati per la costruzione della pista che dovrebbe ospitare una prova del Mondiale SBK il 14 novembre e poi la MotoGP nel 2022.

Sul sito dell’ONU si sostiene una violazione dei diritti umani nei confronti delle popolazioni autoctone, come riportato da the-race.com. Gli ispettori hanno investigato sul progetto turistico per l’isola di Lombok, di cui il tracciato fa parte, per cui sono stati stanziati 3 miliardi di dollari. Secondo le fonti delle Nazioni Uniti agricoltori e pescatori della popolazione indigena Sasak sarebbero stati soggetti a intimidazioni e minacce per accaparrarsi il loro terreni, sostiene il relatore speciale Olivier De Schutter.

"Fonti credibili hanno scoperto che i residenti locali sono stati sottoposti a minacce e intimidazioni e sfrattati con la forza dalla loro terra senza compensazione. Nonostante queste scoperte, la ITDC (Indonesia Tourism Development Corporation) non ha cercato di pagare un risarcimento o di risolvere le controversie sulla terra" è scritto nel documento.

Il progetto di riqualificazione turistica dell’isola ha attirato anche investimenti da parte di privati e l’ONU ha invitato questi soggetti a non rendersi “complici di tali abusi”.

La condanna è netta: “è finito il tempo dei circuiti e dei progetti di infrastrutture turistiche transnazionali di massa che beneficiano una manciata di attori economici piuttosto che l'intera popolazione. Le economie post-COVID dovrebbero concentrarsi sul rafforzamento delle comunità locali, migliorando i loro mezzi di sussistenza e la loro partecipazione al processo decisionale. Esortiamo il governo indonesiano a garantire che l'ITDC rispetti i diritti umani e lo stato di diritto, così come l'AIIB e le imprese private a non finanziare o impegnarsi in progetti e attività che contribuiscono a violazioni e abusi dei diritti umani".

Articoli che potrebbero interessarti