Tu sei qui

SBK, Delusi e scontenti: mezza Superbike è a piedi per il 2021

LA SITUAZIONE – Tra poco più due settimane finisce il Mondiale e il destino di circa dieci piloti è ancora un grosso punto interrogativo

SBK: Delusi e scontenti: mezza Superbike è a piedi per il 2021

Share


Tra poco più di due settimane si chiude il Mondiale Superbike e il destino di molti piloti ancora attende una risposta. Se in MotoGP il puzzle è praticamente definito, nelle derivate la situazione è completamente opposta. Ci sono infatti diversi tanti dubbi e interrogativi all’orizzonte, nonostante il 2021 sia dietro l’angolo.

Sarà anche vero che per Davies e Rinaldi si attende solo l’ufficialità per la prossima stagione, così come per i portacolori Yamaha, ovvero Gerloff e Locatelli. Peccato che per quanto riguarda i team indipendenti tutto deve essere ancora definito.

Tra i piloti che fa gola c’è sicuramente Eugene Laverty, grande escluso da BMW. Il pilota irlandese punta a rimanere con la squadra di Monaco in un team satellite, ma la situazione non sembra così essere facile da definire. E allora ecco Eugene iniziare a guardarsi attorno, parlando tra i tanti con Manuel Puccetti.

Peccato che la squadra tricolore sia intenzionata ad affidarsi a Lucas Mahias, promuovendolo nella classe regina dopo l’esperienza maturata in SSP. Il sogno di Puccetti resta però Davies, anche se la trattativa pare praticamente impossibile da realizzare, in particolare dal lato economico. Servirebbe infatti il sostegna da parte della Casa madre. 

Nel frattempo Manuel ha saluto Forés, che ha da subito sondato la pista Barni. Barnabò sta facendo diverse valutazioni per il 2021 partendo da Samuele Cavalieri, il quale ha raccolto il testimone di Melandri in occasione del round di Barcellona. Proseguire con l’emiliano sarebbe un attestato di stima non da poco, anche se il patron della squadra bergamasca vorrebbe un profilo affermato nella categoria.

A proposito di big, in Honda non ci sono ancora conferme per quanto riguarda Leon Haslam. Se Bautista è certo del posto per il 2021, visto il biennale firmato lo scorso anno ( 1 anno + opzione), per il britannico si attendono notizie a breve.

E che dire poi di Tati Mercado, attualmente impegnato con la Ducati di Motocorsa. L’argentino non ha ancora garanzie per la prossima stagione e lo stesso discorso vale anche per un altro sudamericano, ovvero Maximilian Scheib, da quest’anno in sella alla Kawasaki di Orelac. Un 2020 non certo semplice per il cileno su cui non mancano i dubbi, ma allo stesso tempo la voglia di riscatto da parte del pilota dopo quanto fatto vedere ai tempi della Stock.

A proposito di Kawasaki, non scordiamoci di Sandro Cortese, fuori dai giochi a seguito dell’incidente rimediato nel corso di Gara 1 a Portimao. Il pilota tedesco, attualmente sotto contratto con Lucio Pedercini, vorrebbe continuare l’avventura in Superbike con la squadra tricolore, ma al momento manca ancora l’intesa tra le parti.

Insomma, gli interrogativi sono tanti, ma al tempo stesso c’è una certezza: sarà un autunno incandescente sul fronte mercato.  

  

 

Articoli che potrebbero interessarti