MotoGP, Valentino Rossi: si delinea la squadra Yamaha Petronas per il 2021

Confermato che a seguire Vale saranno il telemetrista Matteo Flamigni e David Muñoz, oltre ai meecanici Mark Elder (ex Ducati) e al belga Bernard Ansiau, ex del team di Burgess

Share


Ieri Rossi ci ha concesso una videointervista durante la quale ha ribadito il suo amore per i Gran Premi e l’intenzione di continuare, confermando di essere al 99% della trattativa che lo porterà nel 2021 in Yamaha Petronas.

Non è un mistero che fra i particolari in via di risoluzione c’è quello della squadra, visto che il team di Valentino lo segue praticamente dagli esordi in 500.

Parliamo della ex squadra capitanata da Jeremy Burgess e che poi ha proseguito sotto la direzione di Silvano Galbusera e, oggi di David Muñoz.

E’ confermato, scrive oggi la Gazzetta dello Sport che oltre al nuovo capotecnico al fianco di Vale ci sarà il suo telemetria storico, Matteo Flamigni, oltre a Idalio Gavira, il suo coach che ha preso il posto dell’ex iridato Luca Cadalora.

In Yamaha invece dovrebbero restare i meccanici Mark Elder (ex Ducati) e il belga Bernard Ansiau. Non è ancora certo il futuro, invece, di Alex Briggs e Brent Stephens, entrambi residenti in Australia e perciò svantaggiati (si dice) dal costo delle loro trasferte fra un Gran Premio e l’altro visto che per contratto hanno sempre viaggiato in Business.

Briggs, peraltro, è stato l’inventore del tweet ‘in car convo’, una serie di trilli sui discorsi fatti dal team durante i trasferimenti da e per il circuito, interessanti per comprendere meglio il funzionamento di una squadra affiatata durante le trasferte con argomenti che spaziavano dal (leggermente) tecnico al sociale.

Share

Articoli che potrebbero interessarti