SBK, Melandri è pronto a tornare! Ora si attende solo la decisione di Barni

Marco scalpita per salire in sella alla Ducati V4, ma la squadra di Barnabò deve prima risolvere la questione Camier, la priorità resta però Krummenacher

Share


A volte ritornano. O meglio, a volte potrebbero ritornare. In questo caso il condizionale è d’obbligo. Una vicenda piena di intrighi quella legata al team Barni, che come ben sappiamo è costretto a fare i conti con la situazione fisica di Leon Camier.

Dopo aver saltato la gara inaugurale di Phillip Island, il pilota britannico ha accusato forte dolore alla spalla anche in occasione dei test di Misano dello scorso giugno, tanto da dover alzare bandiera bianca in anticipo. Una situazione che non è andata per niente giù a Marco Barnabò, patron del team bergamasco.

Al momento la situazione è questa: Barnabò sta cercando con Leon Camier di risolvere consensualmente il contratto, anche se il britannico non sembra disposto ad andarsene così facilmente. Leon, infatti, non vuole rinunciare alla Ducati V4, perché il rischio è che questa sia la sua ultima avventura in Superbike. Con 33 anni, 34 il prossimo 4 agosto, diventerebbe complicato in ottica futura trovare un team di prima fascia che possa scommettere su di lui, visti tra l’altro i problemi di salute che lo accompagnano da tempo. L’alternativa infatti, come ci ha detto lui lo scorso anno, sarebbe infatti quella di tornare nel BSB.

Barnabò vuole però chiudere con Leon e trovare un sostituto per le rimanenti sei gare. A questo punto i candidati non mancano. Il primo nome in cima alla lista è quello di Randy Krummenacher, che lo scorso maggio disputò un test con la Panigale V4 a Misano. L’idea stuzzica non poco Barnabò, ma al momento il problema dello svizzero è la situazione con MV Agusta. Già, perché fino a quando l’elvetico non troverà l’accordo con il team di Quadranti, non potrà guidare altre moto al di fuori della F3 675 della Casa di Schiranna.

A questo punto c’è quindi una seconda pista, o meglio, un’idea davvero affascinante, rappresentata da Marco Melandri. Nelle scorse settimane Barnabò ha contattato Marco per capire se fosse disponibile o meno a salire in sella alla Ducati V4 e il ravennate ha detto di sì. Marco è infatti pronto a tornare a correre dopo la recente esperienza in Yamaha con GRT della passata stagione e qualora ci fosse la possibilità concreta non si tirerebbe certo indietro.

Come ben sappiamo Melandri ha anche un contratto che lo lega alla web tv DAZN, in qualità di commentatore della MotoGP, ma in quel caso non ci sarebbe alcun problema per liberarlo. Serve però che tutti i pezzi del puzzle vadano ad incastrarsi.

In casa Barni sarà quindi una settimana di fuoco, perché entro sabato si deciderà il futuro di Camier, poi la scelta del sostituto. Ci sono Krummenacher e Melandri come detto, ma anche altri candidati come Samuele Cavalieri, impegnato nel CIV oltre che Lorenzo Zanetti e Matteo Ferrari.   

Share

Articoli che potrebbero interessarti