Tu sei qui

MotoGP, Stoner, drammatica confessione: "sto male, non riesco più a fare nulla"

"Sono sempre stanco, passo le settimane sul divano. Anche un semplice giro in moto come quello che ho fatto con Alpinestar mi mette a terra. Mi sto curando"

MotoGP: Stoner, drammatica confessione: "sto male, non riesco più a fare nulla"

Casey Stoner si è ritirato alla fine del 2012 ufficialmente perché non sopportava più il mondo dei Gran Premi. Non solo la pressione delle gare, ma anche tutto ciò che gli girava attorno, le interviste e gli obblighi di essere un supercampione sempre nel mirino.

In realtà negli anni precedenti il fuoriclasse australiano aveva sofferto per una sindrome da affaticamento cronico che lo costrinsero ad abbandonare le gare a metà campionato nel 2009, mentre era in Ducati.

Quando tornò la diagnosi fu quella di una intolleranza al lattosio, che non convinse però del tutto la casa di Borgo Panigale ed i suoi detrattori.

Infine dopo il ritiro assunse il ruolo di test rider per Honda (2013-2015) e Ducati (2016-2018), con una ultima apparizione nel 2018, prima di dedicarsi alle sue due grandi passioni: la pesca e la caccia con l'arco.

Ora, in una delle sue rare apparizioni ha rilasciato una intervista rivelatrice sul podcast del Rusty's Garage, Stoner nella quale ha confessato che le sue condizioni fisiche si sono molto deteriorate, addirittura ammettendo di essere costretto "su un divano per una settimana".

"Non esco in kart da più di un anno, probabilmente, a causa della stanchezza cronica, non ho più energia - ha detto Stoner , che ha aggiunto - se lo facessi sarei fuori combattimento sul divano per una settimana. Non ho fatto le cose che mi piacciono da tempo. È stato un po' frustrante. Non ho tirato con l'arco probabilmente da 10 mesi".

Poi ha spiegato cosa gli accade.

"Fondamentalmente con la fatica cronica non sono in grado di mantenermi in forma e in salute. Ho un problema alle costole e spesso soffro di mal di schiena".

Un problema che aveva anche quando correva.

"Ho alcuni dischi che esercitano pressione sui nervi e ciò mi provoca degli spasmi. Sono migliorato assumendo nuovi farmaci, ma non sono in grado  di allenarmi o uscire a fare le mie cose. Spesso mi metto solo sul divano per una settimana, e questo rende difficile la vita anche a mia moglie. La prima volta che sono rimontato in moto dal dal gennaio dello scorso anno è stato un test negli Stati Uniti per il mio compleanno per un evento Alpinestars. Abbiamo girato un po', senza spingere, ma mi sono stancato abbastanza".

Nell'intervista-confessione Stoner ha gettato luce anche sulla sua stagione nel campionato V8 Supercars in Australia.

"Che ci crediate o no, non volevo correre affatto nel 2013. Volevo solo fare niente avere tutto l'anno libero per me stesso, solo fare il programma di test, guidare alcune auto per abituarmi a loro e poi fare la Development Series nel 2014. Invece sono stato costretto a farlo. Non ero pronto. Ero esausto, ero bruciato. Il campionato era trasmesso in TV perché c'ero io e non potei tirarmi indietro".

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti