Tu sei qui

MotoGP, Test KTM ad Aragon: Oliveira ha provato la RC16

Due giorni di prove prima delle vacanze. Espargarò e Smith: "tanto nuovo materiale e abbiamo preso la direzione giusta"

MotoGP: Test KTM ad Aragon: Oliveira ha provato la RC16

Prima di partire per le vacanze, il team KTM al gran completo ha fatto tappa sul circuito di Aragon per una due giorni di test. Non c’erano solo i piloti ufficiali Pol Espargarò e Bradley Smith, insieme al collaudatore Mika Kallio, ma anche un debuttante assoluto alla guida di una MotoGP.

Miguel Oliveira (in azione nella foto sopra), che corre per la Casa austriaca in Moto2, ha infatti avuto l’opportunità di guidare la RC16 per la prima volta.

L’obiettivo non era andare veramente veloce, ma per godermi questa giornata di test - ha detto il portoghese - Ho avuto l’opportunità che ogni pilota vorrebbe almeno una volta nella sua carriera e sono stato veramente contento di avere potuto guidare questa moto. Ringrazio KTM, è stata veramente una bella giornata”.

Se Miguel ha potuto pensare solo a divertirsi, piloti e collaudatori si sono dedicati allo sviluppo della RC16. Ad Aragon hanno trovato bel tempo con 35° di temperatura e hanno potuto sfruttare al meglio le due giornate di prove.

L’unico inconveniente, venerdì, per Pol vittima di un’innocua scivolata a causa delle gomme fredde. “Ho provato un’enorme quantità di materiale, grazie ai ragazzi in Austria che hanno lavorato per sviluppare la moto permettendomi di collaudare diverse parte. Sono stati delle buone giornate, abbiamo fatto progressi.

Anche Smith ha sottolineato il grande impegno dal reparto corse: “siamo andati a toccare delle aree importanti in cui siamo più deboli e da questo punto di vista sono molto contento per il lavoro fatto e la direzione presa. Sento che abbiamo preso la strada giusta per la seconda parte di stagione e anche per il prossimo anno, forse non si vedrà subito ma sicuramente in futuro. Ad Aragon la moto è andata abbastanza bene quindi sono abbastanza ottimista per la gara di settembre ma c’è ancora una lista senza fine di cose da fare per questo progetto”.

Kallio ha potuto usare il nuovo telaio che i piloti ufficiali utilizzano da un paio di gare e si è anche preparato per il suo prossimo impegno come wild card per il GP di Austria ad Agosto.

Le ultime parole sono del direttore tecnico Sebastian Risse: “da una parte avevamo nuove idee da sperimentate e dall’altra un inteso programma per la parte ciclistica e siamo riusciti a fare tutte le prove. Possiamo andare in vacanza contenti perché abbiamo trovato del materiale che ha cambiato il comportamento della moto in positivo. Dobbiamo ancora capire come mettere tutto insieme e riuscire a farlo funzionare anche su altre piste, perciò non dobbiamo essere troppo ottimisti, ma torniamo a casa con buone sensazioni”.

In questi giorni, KTM effettuerà anche alcune prove in galleria del vento per prepararsi alla seconda parte della stagione.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti