Tu sei qui

MotoGP, FP2: Marquez imprendibile, Lorenzo nella sua scia, Rossi 10°

Alle spalle del maiorchino c'è Folger, quarto Dovizioso seguito da Petrucci, Rabat e Zarco, 8° Pedrosa, addirittura 16° Vinales

MotoGP: FP2: Marquez imprendibile, Lorenzo nella sua scia, Rossi 10°

I test di due settimane fa hanno reso la strada in discesa a Honda e Ducati, che confermano la propria competitività sulla pista di Barcellona anche nella FP2. Marc Marquez continua a brillare nel pomeriggio del Montmelò, strappando il riferimento in 1’44”295, addirittura un secondo e mezzo meno in confronto al mattino. Nessuno sembra ostacolare il cinque volte iridato, nemmeno la Ducati di Loris Baz, che si è trovato inaspettatamente in traiettoria alla nuova chicane dopo che il francese è finito a terra. 

Marc è stato perfetto nell’evitarla, volando verso il traguardo e realizzando il crono più veloce. La manovra è costata però cara al pilota di Cerverà, perché poi è stato penalizzato. Il suo tempo diventa quindi 1'44"478, dal momento che non ha rallentato in quel tratto. Stesso discorso per Tito Rabat, retrocesso della sesta alle ventesima posizione.  Alle sue spalle di Marquez c’è una Ducati. Non è quella di Andrea Dovizioso, bensì di Jorge Lorenzo, che fino a pochi minuti dal termine deteneva la leadership dopo aver montato gomma media e slick. Il maiorchino accusa dal connazionale quattro decimi (+0.222), ma è comunque un cenno di riscossa da non sottovalutare in vista della FP3 di domani.

Se Honda scappa, Yamaha deve rincorrere. Ancora una volta sono le M1 versione 2016 a tenere alti i colori per la Casa dei Tre Diapason. Come in FP1, il più veloce è stato Jonas Folger (+0.361), autore del terzo tempo a un decimo dalla GP17 con il numero 99. Sesta invece la M1 di Johann Zarco a oltre sette decimi dalla leadership (+0.585). Va peggio invece alla due Factory. Soltanto all’ultimo tentativo Valentino Rossi è riuscito ad agganciare la nona piazza (+0.640), addirittura quindicesimo Maverick Vinales (+1.332) con quasi un secondo e mezzo da recuperare nei confronti di Marc.

Un pomeriggio nero per lo spagnolo, proprio come il suo volto, a causa dello scarso grip incontrato sulla pista. Di sicuro ci sarà da tanto da lavorare in vista della FP3 di domattina.

Tornando ai piani alti della classifica, a buon punto sembra essere Andrea Dovizioso (+0.405), veloce con gomma media e soft, tanto da agganciare la quarta piazza seguito a soli sette millesimi dalla Ducati Pramac di Danilo Petrucci. Nei primi dieci anche la Honda di Dani Pedrosa (7°, +0.620)

Da registrare in questo pomeriggio la caduta di Alvaro Bautista alla curva 14 con tanto di moto rimasta pericolosamente in traiettoria. Dopo essersi rialzato, la spagnolo ha centrato il nono tempo, precedendo di soli due millesimi il Dottore. A terra anche Barbera (10°, +0.833) alla curva dieci 10, così come Cal Crutchlow (+1.489), finito addirittura diciannovesimo davanti a Rabat, penalizzato come detto prima. Dodicesimo Iannone (+0.987) poi l’Aprilia di Aleix Espargarò (+1.076).

Di seguito la classifica aggiornata dopo le penalità commissionate a Marc Marquez e Tito Rabat.

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti