Tu sei qui

SBK, Sykes torna grande e trionfa a Donington nel BSB: prima vittoria con Ducati

Escluso dallo Showdown e ormai prossimo al rientro nel Mondiale Superbike, Tom Sykes ritrova il sorriso in Gara 1 del British Superbike nella pista amica di Donington Park e si regala la prima vittoria da Ducatista

SBK: Sykes torna grande e trionfa a Donington nel BSB: prima vittoria con Ducati

Share


Prima di questo fine settimana era il peggior Ducatista con un mesto tredicesimo posto in campionato, in nove round disputati aveva raccolto la miseria di 120 punti ed un mediocre sesto posto quale miglior piazzamento. Rimasto escluso dai playoff di fine stagione e ormai prossimo a riabbracciare il Mondiale di categoria dal 2023, Tom Sykes ha voluto lasciare una zampata agli sgoccioli di questa sua esperienza di ritorno nel British Superbike da portacolori MCE Ducati Racing Team di Paul Bird. Nella pista amica di Donington Park, “The Grinner” si è assicurato la prima vittoria dell'anno al termine della eBay Sprint Race del secondo atto dello Showdown, con Bradley Ray (Rich Energy OMG Racing Yamaha) quarto e indirizzato verso la conquistato del titolo 2022.

Ben ritrovato Sykes

Toh chi si rivede! Sul tracciato dove per un lustro abbondante monopolizzò la scena nel Mondiale Superbike, l’iridato 2013 ha ritrovato finalmente il sorriso. Scattato come un fulmine dalla terza casella e in grado di guadagnare fino ad un massimo di un secondo sugli avversari, Tom Sykes ha amministrato con intelligenza la tenuta degli pneumatici Pirelli più morbidi, storicamente suo punto debole. Probabilmente favorito in tal senso da una distanza di gara minore rispetto alle due in programma nella giornata di domani (15 giri contro 20), si è affermato come nono differente vincitore del British Superbike 2022, al primo centro sulla Panigale V4-R nonché il sesto della carriera in madrepatria dove non saliva sul gradino più alto del podio dal 2010.

Riscatto O’Halloran

Per Tom Sykes una prestazione impeccabile, che salva in parte il bilancio di una stagione fino a ieri oggettivamente avara di soddisfazioni. Nel finale di gara ha poi dovuto resistere ai tentativi di assalto del poleman Jason O’Halloran, unico pilota McAMS Yamaha presente all'appello per l'assenza forzata di Tarran Mackenzie causa frattura del femore. Buttato giù in due distinte occasioni nel precedente round di Oulton Park, quest'oggi il vicecampione 2020 ha saputo recuperare a fronte di una partenza poco esaltante, giungendo secondo davanti all’eterno Peter Hickman, al secondo podio stagionale su FHO Racing BMW e alla personale 400esima gara in carriera nel BSB.

Ray vicino all’ipoteca

Proprio Jason O’Halloran e Peter Hickman negli ultimi giri si sono fatti beffa del capo-classifica di campionato Bradley Ray, per lunghi tratti al secondo posto. Seppur giù dal podio per la seconda gara consecutiva, “Telespalla” ha trovato modo di consolidare la propria leadership considerate le difficoltà degli altri contendenti al titolo: Tommy Bridewell non è andato oltre l’ottavo posto, Lee Jackson ha chiuso sesto e Glenn Irwin quinto. A cinque gare dal termine della stagione vanta adesso 45 punti di vantaggio sul più diretto inseguitore ed è pertanto sempre più vicino all’ipoteca per la conquista del titolo 2022.

RISULTATI GARA 1:

Articoli che potrebbero interessarti