Tu sei qui

Toseland: "Toprak in MotoGP? Servono abilità superiori rispetto alla SBK"

Il due volte campione del mondo SBK ha commentato il possibile passaggio del turco: "In MotoGP devi essere un pilota migliore, tutto sulla moto ha un limite più elevato e devi saperlo raggiungere"

SBK: Toseland: "Toprak in MotoGP? Servono abilità superiori rispetto alla SBK"

Share


James Toseland è probabilmente uno dei piloti più adatti a commentare l'eventuale passaggio di un pilota dalla SBK alla MotoGP. Il pilota inglese ha infatti accettato la sfida dei prototipi dopo essere diventato due volte re tra le derivate e l'ha forse fatto troppo tardi nella sua carriera, non riuscendo a raccogliere i risultati che il suo talento avrebbe meritato. 

Intervistato dai colleghi di Crash.net, Toseland ha parlato nel dettaglio delle differenze tra le due categorie e di quanto sia ripida la montagna da scalare per un pilota abituato alla SBK. Tra moto diverse, gomme diverse e piste inedite, la sfida può rivelarsi davvero impegnativa ed è esattamente questo tipo di sfida che potrebbe affrontare Toprak Razgatlioglu, il pilota indicato da tutti come l'unico in grado di affrontarla. Protagonista di un test premio in sella alla M1 ad Aragon, Toprak ha dimostrato di poter andare forte anche con una MotoGP, ma la finestra per il passaggio si aprirà solo nel 2024. 

"Penso che siano categorie molto specializzate e con piloti specializzati che guidano queste moto al limite - ha detto Toseland -  So per esperienza diretta che le MotoGP richiedono un livello di abilità superiore perché la tecnologia consente di andare più veloce. In MotoGP devi essere un pilota migliore, perché ti richiede di spingere al limite il pacchetto, che è più performante di una moto di serie. Arrivare nel Mondiale Superbike e avere un pacchetto che non è così difficile da portare al limite sarà abbastanza comodo per piloti del calibro di Darryn Binder, Remy Gardner e così via. Ma c'è tutta una serie di fattori in gioco che Jonathan Rea, Toprak e Bautista hanno già sperimentato. Si parla soprattutto di pneumatici, piste e altre cose"

Secondo Toseland, sono soprattutto le gomme il problema. 
"Capire le gomme è la chiave più importante per poter guidare qualsiasi pacchetto al suo limite. Con i due campionati su gomme diverse ci vuole un po' di tempo per abituarsi. Ricordo quando gareggiavo con Biaggi, quando è passato dalla GP alla Superbike il primo anno. Gli giravo intorno all'esterno perché le Michelin ci mettevano due giri a scaldarsi, mentre le Pirelli ci mettevano due curve a scaldarsi. Sono questi piccoli dettagli che ogni pilota deve conoscere. Jonathan Rea spinge la sua moto esattamente allo stesso limite di Quartararo sulla Yamaha. Ma poiché la tecnologia è così buona in MotoGP ora, aiuta il pilota a spingerla al limite". 

Secondo James, le attuali MotoGP rendono anche più difficile per un talento emergere rendendo anche complicato fare sorpassi.
"Tutti fanno le stesse cose o cose simili su una MotoGP, specialmente con gli abbassatori di guida in uscita di curva. La capacità di frenata e la potenza del motore sono appiattite, è molto difficile fare di più di qualcun altro su queste moto, il che crea una minore finestra di opportunità per i piloti di sorpassare. Le Superbike hanno ancora un margine più ampio e in altre circostanze si può fare qualcosa in più rispetto agli altri". 

Toseland teme anche che Razgatlioglu nel passaggio possa ritrovarsi in fondo al gruppo. 
"Sarebbe un disastro, anche per la Dorna. Farebbe sembrare la SBK una categoria secondaria mentre non è così. Ricordo che quando Biaggi arrivò in SBK, in Qatar non riuscivo a stare con lui in pista. Mi dissi 'ok, è Biaggi'. Ma poi siamo andati a Brands Hatch e non l'ho visto molto in quel weekend, perché non c'era mai stato prima e non conosceva la pista. Se si porta Quartararo a Donington nel Mondiale Superbike e gli si dà una moto ufficiale e un supporto completo, è possibile che lotti per il podio. Ma non può certo vincere con cinque secondi di vantaggio su Bautista, Jonathan e Toprak". 

Per il britannico, la cosa importante è avere la giusta considerazione di entrambi i campionati. 
"Ma la cosa più bella è dimenticare chi è più bravo tra le varie categorie, questo genere di cose: penso che dobbiamo solo rispettare ogni categoria e che questi piloti spingono queste moto ai loro limiti assoluti".

Articoli che potrebbero interessarti