Tu sei qui

SBK, Locatelli: “Yamaha deve fare un moto nuova, questa R1 è vecchia”

“Io non so come faccia Toprak a lottare contro Bautista e la Ducati quando in rettilineo perdiamo tre decimi. Non è ammissibile. Si potrebbe pensare a una Yamaha con le ali e con un motore diverso rispetto a quello attuale”

SBK: Locatelli: “Yamaha deve fare un moto nuova, questa R1 è vecchia”

Share


Da una parte c’è la soddisfazione per il quarto posto, dall’altra la delusione per i 17 secondi incassati dalla Ducati di Alvaro Bautista. Andrea Locatelli non può considerarsi pienamente entusiasta per questo sabato di Estoril, dove non aveva carte da giocare nei confronti della concorrenza.

Nel post gara il pilota bergamasco non ha utilizzato troppi giri di parole per spiegare l’attuale situazione legata alla Yamaha, tracciando poi il quadro generale della situazione.  

Quello di oggi è stato un risultato positivo, anche se lontano da quelle che sono le aspettative – ha ammesso - purtroppo ho faticato con il grip al posteriore e di conseguenza dovremo lavorare in vista della giornata di domani in modo da migliorare le nostre prestazioni Purtroppo, in uscita di curva, perdevo davvero troppo tempo e questo è un aspetto che pesa”.

L’attenzione del bergamasco si sposta poi sul confronto con la Panigale V4.

“A noi manca tanta potenza nel confronto con la Ducati, dato che Bautista mi ha sverniciato. Io non so come faccia Toprak a lottare contro Alvaro con quella Ducati. Lui è sempre al limite e per me sta facendo qualcosa di veramente grande. Il fatto è che non possiamo permetterci di perdere tre decimi in rettilineo, non è una cosa ammissibile”.

Andrea entra poi nello specifico.  

La nostra è una R1 migliorata nel tempo, ma è comunque una moto vecchia. Dobbiamo pensare in futuro a una nuova Yamaha, introducendo magari le ali per quanto riguarda l’aerodinamica e con un motore diverso. Con questo non voglio dire che la Yamaha non va bene, però siamo arrivati al limite dello sviluppo. A livello di motore non possiamo più tirare fuori nulla da questa moto. In alternativa si potrebbero valutare magari delle concessioni”.  

Articoli che potrebbero interessarti