Tu sei qui

SBK, Ducati ritrova Bayliss: Oli debutta sulla Panigale V2 in Australia

VIDEO - Il figlio di Troy correrà nel Mondiale Supersport con il Barni Racing Team e difendendo i colori di Borgo Panigale: "Mio padre e mia madre mi seguono sempre, senza di loro non sarei qui"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Oli Bayliss è pronto a ripercorrere le orme del padre, perché dal 2022 sarà in Europa per debuttare in sella alla Ducati Panigale V2 nel nuovo Mondiale Supersport, che cambierà regolamento permettendo alla bicilindrica di Borgo Panigale di tornare a competere in questo campionato. Il figlio di Troy ha effettuato in Australia la prima presa di contatto con la moto che porterà in pista nella prossima stagione e l'ha fatto sul tracciato di Bend, lo stesso su cui Jack Miller ha corso in SBK nell'ultima tappa del campionato. 

La stagione 2021 è stata positiva per il figlio d'arte, che ha conquistato una splendida vittoria di tappa nel campionato Australiano SBK nella stagione di debutto, ad appena 18 anni. Un ottimo biglietto da visita per Oli, che ovviamente con il suo cognome fa sognare intere schiere di tifosi Ducati pronti ad accogliere il figlio di un vero mito nel 2022. 

"Il weekend di gara non è stato esattamente quello che avevo immaginato per il mio ultimo weekend di gara prima di andare in Europa - le parole di Oli -  ma è stato bello tornare a correre. Congratulazioni a Wayne per aver vinto il campionato e soprattutto a Broc (Pearson) per aver vinto il campionato SuperSport.

Ci alleniamo molto insieme, quindi sono davvero felice per lui. È stato fantastico avere Jack Miller al nostro fianco questo fine settimana, ho imparato alcune cose da lui, il che è fantastico. Quest'anno ho imparato così tanto e quindi sono entusiasta di fare il prossimo passo nella mia carriera, ma prima di andare, voglio davvero ringraziare alcune persone. Ovviamente mamma e papà, sono sempre con me e non potrei fare quello che sto facendo senza di loro e lo apprezzo molto.

Bryan (Hands) e Byron (Draper), questi ragazzi sono stati fondamentalmente per ogni passo della mia carriera con consigli, supporto e duro lavoro. Mi regalano sempre tanta motivazione ogni volta che salgo in moto. E Ben. Ci mette così tanto tempo, impegno e lavoro dietro le quinte che nessuno vede mai e sono sicuro che a volte pensa che nessuno se ne accorga, ma lo facciamo tutti Benny, grazie per tutto quello che hai fatto per me".

Articoli che potrebbero interessarti