Tu sei qui

SBK, Gerloff: "i piloti MotoGP non piagnucolano, l'asfalto di Austin è un disastro"

"Le Superbike sono molto più morbide: quando ho guidato la Yamaha M1 ad Assen sentivo la più piccola ondulazione dell'asfalto, con la R1 invece mi sembrava liscio"

SBK: Gerloff: "i piloti MotoGP non piagnucolano, l'asfalto di Austin è un disastro"

Share


I piloti della MotoGP si sono lamentati, con vari livelli di intensità, dell’asfalto rovinato del circuito di Austin. Alla fine, però, sono stati tutti concordi nel dichiarare nella riunione della Safety Commission, che il COTA ha bisogno di una riasfaltatura, senza la quale non sarà opportuno tornarci.

Le opinioni sull’asfalto di Austin sono state fra le più varie: dall’ironico “l’allenamento in motocross mi ha dato una mano" di Andrea Dovizioso” al semplice “è pericoloso” di Valentino Rossi. Tra i più taglienti, Aleix Espargarò che ha definito “inaccettabile per la MotoGP correre qui”.

Mentre la MotoGP correva ad Austin, il texano Gerloff, sostituto di Franco Morbidelli in due gare del mondiale sulla Yamaha M1, e fra queste quella di Assen, era impegnato nel suo campionato, nella terzultima prova del mondiale Superbike a Portimao ed ha avuto modo di esprimere la sua opinione in proposito.

"La pista di Assen è molto piatta, ma posso assicurare che quando ci ho corso con la Yamaha M1 la sentivo molto irregolare: c’erano piccoli dossi e la moto era molto instabile - ha detto Gerloff, a Speedweek, e poi ha aggiunto - Un mese dopo, con la Yamaha R1 non ho notato nessun dosso in pista. Il fatto è che una moto da Gran Premio è concepita per correre su una superficie piatta, si sente ogni irregolarità. Quindi posso immaginare come sia sul COTA. Perché so quanto sono grandi i dossi lì. Ora che ho capito meglio com'è una moto da GP, non vorrei mai correre lì con una moto da MotoGP”.

Un’altra opinione sul COTA è arrivato da Loris Baz, recentemente tornato in Superbike ma regolarmente impegnato nel MotoAmerica.

“Austin ha ancora il migliore asfalto delle piste americane, negli USA non ci sono piste piatte”, ha spiegato con una risata.

“Quello che i piloti della MotoGP hanno detto, è vero. In passato, avrei anche detto che stanno solo piagnucolando...Ma no, avendo guidato una moto da GP, ora capisco esattamente cosa intendono".

Articoli che potrebbero interessarti