Tu sei qui

SBK, Chaz Davies verso l’addio a Ducati? Honda lo tenta per il dopo Bautista

Il pilota gallese del team Go Eleven è uno dei profili seguiti da HRC per il 2022, ma piacciono anche Aegerter e Lecuona, quest’ultimo scaricato da KTM

SBK: Chaz Davies verso l’addio a Ducati? Honda lo tenta per il dopo Bautista

Share


C’è la sfida per il titolo iridato, ma anche il mercato a tenere banco. La Superbike è pronta ad entrare nella seconda fase della stagione con le trattative che la fanno da padrone. Tra i team ufficiali impegnati a programmare il 2022 c’è soltanto Honda. Con il ritorno di Alvaro Bautista in Ducati, HRC è chiamata a trovare un sostituto per il prossimo anno.

In attesa di capire quale sarà il destino di Leon Haslam, il cui contratto è in scadenza, bisogna trovare un pilota che raccolga il testimone lasciato da Bau Bau. Il primo nome è quello di Chaz Davies, che molto probabilmente non proseguirà il proprio percorso con Go Eleven.

Dopo ben otto anni con Ducati, il numero sette pare quindi destinato a concludere il proprio cammino con la Casa di Borgo Panigale. Al momento di posti liberi in squadre ufficiali non ci sono, ad eccezione della Honda. La CBR 1000 RR-R sarebbe quindi l’ipotesi più concreta da cui ripartire, considerando tra l’altro lo stretto rapporto che lega Chaz a Leon Camier, da quest’anno nominato team manager della squadra.

Davies potrebbe quindi valutare la possibilità di correre con Honda, cercando di dare nuova linfa al progetto Superbike, nonostante i 34 anni compiuti lo scorso 10 febbraio.

Se da una parte Chaz potrebbe mettere a servizio di HRC la propria esperienza, dall’altra non è da escludere la possibilità di affidarsi a un pilota più giovane. Ecco quindi il nome di Dominique Aegerter, prossimo a compiere 31 anni il prossimo 30 settembre. Lo svizzero è un pilota che Honda conosce bene, dal momento che in passato ha corso diverse gare nell’Endurance, inoltre è stato chiamato a fare da collaudatore per HRC nel 2020. Peccato che quest’ultima esperienza non sia andata nel verso giusto, visto che il COVID ha rallentato lo sviluppo della CBR 1000 RR-R, negando all’elvetico di poter provare in pista una sola.

Lo svizzero, attualmente leader del Mondiale SSP, resta quindi uno dei profili seguiti da parte di HRC in vista della prossima stagione. Al suo nome si accompagna anche quello di Iker Lecuona, scaricato insieme a Petrucci da KTM Tech3. Lo spagnolo è finito nei radar della squadra, anche se la sua priorità rimane quella di non spostarsi dal paddock del Motomondiale. Ovvio che un’offerta di un team ufficiale potrebbe rimescolare le carte.  

Articoli che potrebbero interessarti