Tu sei qui

SBK, Rabat: "Non sono riuscito a fare il passo che avrei voluto"

Il pilota Ducati Barni dopo la due giorni di test ad Aragon: "ho fatto dei miglioramenti ma quando tutti hanno messo la gomma morbida mi sono dovuto fermare"

SBK: Rabat: "Non sono riuscito a fare il passo che avrei voluto"

Share


È terminata sul circuito di Aragon, in Spagna, la due giorni di test SBK che ha visto al lavoro anche il Barni Racing Team. Questi test sono stati gli ultimi per il team bergamasco prima dell’inizio ufficiale della stagione 2021, previsto proprio al Motorland di Aragon, il prossimo 21/23 maggio. Tito Rabat, neo pilota della squadra,  ha lavorato per migliorare le sensazioni sulla Ducati Panigale V4 R, numerose le nuove componenti testate in diverse aree della moto: una nuova cover serbatoio per migliorare l’ergonomia, un nuovo layout dello scarico SC-Project con un terminale più corto, e le nuove pinze freno.

Al termine della due giorni il miglior giro del pilota spagnolo è stato 1’50.518, siglato nella sessione mattutina di oggi. Quello di Rabat è il sesto tempo nella classifica combinata, un risultato condizionato anche da un problema tecnico nel turno pomeridiano che ha impedito a Tito di montare la gomma da qualifica e abbassare il tempo.    

«Tutte le componenti che abbiamo testato in questi due giorni hanno portato miglioramenti al setup della moto - ha detto Rabat - ma per un motivo o per l'altro non sono riuscito a fare il passo che avrei voluto. Quando è arrivato il momento di mettere la gomma morbida, come hanno fatto tutti gli altri, noi ci siamo dovuti fermare». 

Articoli che potrebbero interessarti