MotoGP, Pol Espargarò: "Dovrò gestire la pressione di essere nel team Honda"

VIDEO - "È difficile aspettarsi qualcosa dai test in Qatar, non vedo semplicemente l'ora di iniziare. Ora la curva 10 di Barcellona è più da moto che da auto"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Pol Espargarò ha fatto qualche giorno fa il suo debutto in pista con la Honda a Barcellona. Non si trattava però della RC231V, ma della CBR-RR, con cui si è tolto un po' di ruggine prima dei test in Qatar che inizieranno il 6 marzo. È stata l'occasione per provare la nuova curva 10, modificata nell'inverno, e per parlare delle sue aspettative per questa stagione.

Come è stato il primo contatto con la nuova curva 10?
"È stato molto buono. Abbiamo corso qui per molti anni, e quando abbiamo iniziato, quella curva era particolarmente diversa da quelle di altre piste. Penso che la curva ora sia un po' meglio e ha recuperato anche ciò che era stato perso con l'ultima ristrutturazione. Ora penso che si adatti meglio alle moto che alle auto".

Pensi che questa modifica sia buona per il tuo stile di guida?
"Penso che questa modifica vada bene per i piloti che hanno una velocità in curva elevata o che guidano moto con un'alta velocità in curva. La curva è molto veloce, e normalmente io tendo a frenare molto tardi e a fermare la moto a metà curva. Comunque, lo capiremo a giugno".

Pensi che la Honda si comporterà bene alla curva 10?
"Speriamo di sì. Anche se all'inizio non sarà la curva perfetta per noi, con alcune modifiche meccaniche possiamo sistemare la moto e non sarà un grosso problema."

La presentazione virtuale ti ha aiutato a capire che ora sei un pilota del team Repsol Honda?
"Sì, mi sto ancora abituando. È ancora un po' strano vedermi con questi colori, ma lentamente mi sto sentendo più a mio agio. Detto questo, in Qatar mi metterò la tuta Repsol Honda e non vedo l'ora di farlo".

Sei impressionato dall'impatto mediatico della presentazione?
"Sicuramente. Essere in questa squadra significa che i piloti sono veloci e hanno un sacco di attenzione da parte dei media e molte persone intorno al team. Penso che mi abituerò, ma questa sarà una delle cose più difficili che dovrò gestire".

Come è stata il tuo primo test su una Honda?
"È stato davvero bello. Il tempo è stato perfetto, quindi mi sono divertito molto a guidare la moto, ma è completamente diversa dalla MotoGP. Per questo motivo, non vedo l'ora che arrivi il Qatar, per vedere la differenza tra questa e quelle che guiderò lì".

Cosa ti aspetti dai primi due test in Qatar?
"È difficile aspettarsi qualcosa. Non vedo l'ora di essere lì e di vedermi su quella moto. Ho sognato molto quel momento e sento di poter fare bene con la Honda. Devo ancora aspettare qualche giorno, e saranno lunghi".

Articoli che potrebbero interessarti