MotoGP, Schwantz sull'addio di Brivio: "E' una eredità difficile da raccogliere"

VIDEO - "E' stato uno shock, ma lo capisco, certe opportunità vanno prese. Davide e suo fratello Roberto hanno fatto un grandissimo lavoro in Suzuki, non so proprio chi possa arrivare adesso ma gli auguro il meglio"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Kevin Schwantz ha pubblicato un video sui propri profili Social per commentare la notizia degli ultimi giorni relativa all'addio da parte di Davide Brivio nei confronti della Suzuki in MotoGP. Brivio andrà in Formula 1 a rinforzare l'organico di Alpine, ovvero la squadra Renault brandizzata con il marchio che Luca De Meo sta rilanciando. 

Il grande campione americano è un vero simbolo per la Suzuki e c'è anche chi l'aveva indicato come plausibile successore a Brivio nella gestione della squadra in MotoGP, ma anche dopo aver visto questo video l'ipotesi ci appare piuttosto remota. 

Queste le sue parole:

"Suzuki ha vinto il mondiale MotoGP 2020 e Davide Brivio se ne sta per lasciarla per andare in Formula 1. Lo capisco. E’ una grande opportunità da poter raccogliere e penso che sia Davide che Roberto, i due fratelli Brivio, abbiano fatto un grande lavoro. Sono riusciti a riportare la Suzuki in MotoGP ad altissimo livello, fino a questa strana stagione 2020. Penso che sarà difficile sostituirli, loro hanno fatto tantissimo. Per prima cosa hanno scelto due grandissimi piloti e di certo l’hanno fatto anche grazie all’aiuto dei giapponesi.

Non sarà una posizione facile da ereditare, sono certo che ci sono parecchi ragazzi a cui piacerebbe guidare la Suzuki la prossima stagione. Adesso la Suzuki ha le spalle larghe, l’organizzazione e lo staff giusti. Di certo cercheranno in Suzuki cercheranno di trattenere la maggior parte dello staff che hanno adesso.

E’ stato un bello shock, arrivato nel momento in cui erano tutti concentrati su come migliorare le cose. Come migliorare le moto, come far andare più forti i piloti. Hanno preparato tante novità. Non so proprio chi verrà adesso, sarà di certo un enorme lavoro. A chiunque arrivi, auguro solo buona fortuna e spero che Suzuki trovi presto chi guiderà la squadra adesso". 

Articoli che potrebbero interessarti