Tu sei qui

SBK, Rolfo: grazie a Dio, non ho corso in Superbike

Roby: "con Grillini sarei stato una comparsa, nell'Endurance ho dimostrato di andare ancora forte, vincendo. Il futuro? Voglio gareggiare con la MotoE"

SBK: Rolfo: grazie a Dio, non ho corso in Superbike

È entusiasta Roberto Rolfo, come poche volte lo avevamo sentito prima. L’esperto pilota piemontese - 38 anni - è reduce dalla 8 Ore di Oschersleben, ultima prova valida per il Mondiale Endurance 2018, nella quale lui ed il team Moto Ain hanno portato alla vittoria la Yamaha R1 nella classe Superstock, finendo terzi nella classifica generale del campionato:ho fatto un po' di festa dopo la Germania - sorride - è stata una gara dura, e l'abbiamo vinta in grande stile; sono andato bene in prova e, durante la corsa, ogni cosa ha girato come doveva, dal cambio gomme al rifornimento carburante, sino ai sorpassi più delicati. Io ed i ragazzi abbiamo concluso nel migliore dei modi. Il campionato è finito, ma sono già con testa e corpo in preparazione alle prossime sfide; ho percorso tanti chilometri in bicicletta per arrivare ancora più in forma ai miei obiettivi”.

Roberto ha ritrovato il sorriso dopo un inizio anno spaventoso:se penso che nemmeno avrei dovuto prendere parte al Mondiale Endurance, mi vengono i brividi – svela – perché in Superbike, sinceramente, avrei fatto la comparsa. Il guaio che ha coinvolto Andrea Grillini e la sua struttura mi ha inizialmente angosciato, poi lasciato a piedi, infine liberato a nuove ed appaganti avventure: grazie a Dio non ho corso con loro; onestamente, nelle migliori delle ipotesi, avremmo raccolto qualche punto in determinate condizioni di gara”.

Rolfo non recrimina né punta il dito contro qualcuno, ma precisa una cosa:perdendo il posto in Superbike, ero inizialmente depresso – continua – ma, dopo la 24 ore di Le Mans, felice; nel Mondiale delle derivate avrei fatto numero, ed io non mi sento un corridore di rincalzo, tutt’altro: nell’Endurance ho dimostrato di andare ancora parecchio forte, battendo piloti esperti e titolati, e devo ringraziare il team Moto Ain, i meccanici ed i compagni di squadra”.

Il 2018 è però ancora lungo.

Infatti, come dicevo prima, non mi fermo adesso; sto valutando alcune proposte, tra le quali un ritorno in Supersport e qualche Gran Premio in Moto2; ho possibilità per la 600 delle derivate – a Misano mi piacerebbe esserci – ed ho sentito un team della Middle Class del Motomondiale. Prima del Bol D’Or, vorrei togliermi ancora lo sfizio di misurarmi coi piloti più giovani di me, e magari batterli”.

Conoscendoti, stai già programmando il 2019.

Certo! Ho due desideri ben precisi, in questo ordine di preferenza: Endurance e MotoE; vorrei partecipare a tutto il campionato di durata completo, dal primo all’ultimo appuntamento, passando in classe Superbike; mi sto sentendo con il team Honda UK e sto ancora parlando con la mia attuale squadra Yamaha: loro sono soddisfatti del mio rendimento, io sono contento con loro, mi piacerebbe rinnovare ed andare anche alla 8 Ore di Suzuka; vedremo. Per quanto riguarda la MotoE, sono convinto che rappresenti una novità interessante e dal futuro di successo; come nella Formula E a quattro ruote, le case motociclistiche investiranno nelle due ruote elettriche, ed il campionato crescerà. Sono in contatto con Hervè Poncharal e Lucio Cecchinello per definire un accordo 2019, ma prima dobbiamo capire come sarà strutturata la categoria: ancora non sappiamo se saranno gare brevi di pochi giri, o ci sarà un cambio moto ai box. Comunque, la MotoE completerebbe il mio percorso agonistico e sportivo, tra motori a scoppio a due e quattro tempi ed unità elettriche”.

Allora, definitivamente: Superbike, Supersport, Moto2, Endurance e MotoE: cosa scegli per il tuo futuro?

Sintetizzando, in Superbike non voglio vestire i panni del comprimario, quindi no. Nella Supersport magari qualche wild card, così come nella Moto2. Voglio provare un doppio impegno: Endurance e MotoE, due specialità totalmente differenti, nelle quali mi divertirei ancora molto; in quei campionati scriverò il mio futuro".

 

 

Categoria: 
SBK

Articoli che potrebbero interessarti