Tu sei qui

MotoGP, Rainey: Rossi non ha paura. Fra piloti ci vuole rispetto

"In Argentina Marquez era molto più veloce degli avversari. Quando superi un avversario molto più lento ci vuole attenzione"

MotoGP: Rainey: Rossi non ha paura. Fra piloti ci vuole rispetto

Share


Wayne Rainey, tre volte campione della 500 (con Randy Mamola nella foto), è stato fra i piloti americani sempre fra i più decisi, ma anche fra i più corretti. Oggi come capo di MotoAmerica si trova a far crescere i futuri talenti made in USA.

“Sono tifoso di entrambi di entrambi i piloti - ha detto riferendosi all’incidente fra Marquez e Rossi in Argentina - però quando stai per superare un avversario parecchio più lento  bisogna fare molta attenzione. A me capitava nei doppiaggi. Il tuo avversario non si aspetta che tu sia così rapido e devi lasciargli più spazio. In Argentina invece mi è parso che Marquez si sia dimenticato di questa cosa. Come se avesse pensato: io devo superare, e speriamo di non colpire nessuno e se accade che non succeda niente”.

Sulle Parole di Rossi: ho paura quando Marc è dietro di me, Wayne ha la sua opinione.

“Io non credo che Valentino abbia paura. Bisogna avere fiducia nei propri avversari perché con loro ti stai giocando la vita. Non capisco perché abbia parlato così. Non ho corso contro Marquez ovviamente ma ho avuto grandi rivali, Schwantz, Doohan e Lawson, però ci siamo sempre rispettati, al di là del fatto che con qualcuno c’era simpatia e con altri meno”.

 

Articoli che potrebbero interessarti