Tu sei qui

MotoGP, Ducati col 'doppio' pilota: Stoner al fianco di Lorenzo

Riprende forma l'idea dell'australiano nel box Ducati come coach di Jorge durante tutta la stagione 2017

Ducati col 'doppio' pilota: Stoner al fianco di Lorenzo

Jorge Lorenzo è in vacanza ma la sua agenda è fitta di impegni: il 27 novembre sarà ad Abu Dhabi per seguire l’ultima gara del mondiale di F.1 che assegnerà il titolo fra Rosperg e Hamilton e lo farà dal box Mercedes. Poi il 30 aprirà il suo museo dello sport motoristico ad Andorra che contine memorabilia, fra i tanti, di Michael Schumacher, Ayrton Senna, Fernando Alonso, Lewis Hamilton, Mick Doohan, Wayne Rainey, Kenny Roberts e molti altri.

L’evento è supportato da Monster, sponsor personale del maiorchino che lo seguirà anche nella sua avventura in Ducati. L’ex iridato come è noto non può parlare della sua nuova squadra, ma ogni volta che appare in pubblico c’è da aspettarsi qualche nuova rivelazione.

Al suo gruppo ristretto ha detto di essere molto motivato, anche perché vede il team motivatissimo dal suo arrivo.

“Certo, c’è ancora del lavoro da fare per migliorare la moto ma sono molto contento”.

La novità è che Lorenzo vorrebbe che a seguirlo nella qualità di ‘coach’ fosse Casey Stoner, che gli è stato vicino a Valencia nel giorno del debutto. Era una idea già avuta questa estate ma che ha ripreso forza negli ultimi giorni. Ormai la presenza del 'Rider performance analyst' - questa per esempio è la qualifica di Luca Cadalora in Yamaha, è un must fra i piloti di vertice. E del resto Jorge aveva al suo fianco l'ex pilota della 250 Wilco Zeelemberg.

“Uno dei problemi è che Casey vive in Australia e per seguire tutto il mondiale dovrebbe tornare in Europa. Abbiamo parlato e penso che sia abbastanza convinto, ma so che sta parlando anche con la Ducati. Vedremo se riusciranno ad accordarsi”.

Sarebbe, questa, una novità assoluta: per la prima volta infatti un pilota potrebbe parlare con un suo pari in grado, in un successivo test, di verificare di persona quanto spiegato dal pilota. Un plus incredibile.

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy