Tu sei qui

SBK, Guintoli trascina alla vittoria Black e Siméon alla 24 Ore di Le Mans

E' il secondo successo di fila dell'equipaggio della Suzuki. Dei 52 team partiti, 39 hanno visto la bandiera a scacchi. Prossimo appuntamento la 24h SPA EWC che si svolgerà il 4 e 5 giugno 2022

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


La vittoria aiuta…gli esperti. Per il secondo anno di fila la vittoria nella 45a edizione della 24 Ore di Le Mans è andata alla Yoshimura SERT Motul Suzuki dell’equipaggio Gregg Black, Xavier Siméon e Sylvain Guintoli.

Questa 45a edizione della 24 Ore Motos, segnata dal ritorno del pubblico e di 62.000 spettatori dopo due edizioni di fila a porte chiuse, ha visto Yoshimura SERT Motul e YART - Yamaha darsi battaglia per tutta la gara. Alle 15, decine di migliaia di spettatori hanno finalmente avuto la possibilità di salutare la squadra guidata da Damien Saulnier.

Come nel 2021, la squadra franco-giapponese ha mostrato una concentrazione impressionante durante le 24 ore di gara, e ha portato via il Trofeo Suzuka, che simboleggia la squadra asiatica di maggior successo e l'amicizia tra i due circuiti. La F.C.C. TSR Honda France ha completato il podio dell'EWC per confermare l'egemonia delle moto giapponesi nelle gare di endurance, la Suzuki ha vinto la 24 Ore Moto per la 14a volta, mentre la SERT ha aggiunto una 12a vittoria alla sua cintura.

L’ unico momento thriller per la Suzuki è arrivato nella serata di sabato, allorché Sylvain Guintoli è rimasto senza benzina a cento metri dell’imbocco della pit lane. Un pizzico di fortuna e tutto si è risolto con una perdita di tempo irrisoria.

Più insidiosa è stata la sfida del team Honda FCC TSR prima che la rottura della leva del cambio, poi dello scarico e quindi una scivolata di Gino Rea domenica l’ambizione della vittoria relegando la Fireblade al terzo posto.
 
Nella categoria Superstock hanno vinto i francesi di Yamaha Team 18 Saupier Pompiers. Alle loro spalle la Suzuki No Limits Motor Team di Luca Scassa, Kevin Calia e il francese Alexis Masbou, peraltro quinti assoluti.

Dei 52 team partiti, 39 hanno visto la bandiera a scacchi.

Dopo la 24 Heures Moto 2022, i piloti si sfideranno nella seconda prova del Campionato del Mondo FIM EWC in Belgio con il ritorno di una pista leggendaria: la 24h SPA EWC Motos si svolgerà il 4 e 5 giugno 2022.

La top 5 della classifica generale:

Suzuki #1 – Yoshimura SERT Motul – 840 giri
Yamaha #7 – YART-Yamaha Official Team EWC a un giro
Honda #5 – F.C.C. TSR Honda France a 14 giri
Yamaha #18 – Team 18 Sapeurs-Pompiers CMS Motostore a 24 giri
Suzuki #44 – No Limits Motor Team a 25 giri

La top 3 della categoria Superstock :

Yamaha #18 – Team 18 Sapeurs-pompiers – 816 giri
Suzuki #44 – No Limits Motor Team a un giro
Honda #55 – National Motos a un giro

13 moto sono state costrette al ritiro (39 all'arrivo) :

Yamaha #96 - Team Moto Ain - rottura meccanica dopo incidente
BMW #37 - BMW Motorrad World Endurance Team - rottura del radiatore - 19 h 37
Yamaha #777 - Wójcik Racing Team STK 777 - rottura del cambio - 21 h 19
Honda #41 - RAC41-Chromeburner - rottura del cambio - 21 h 28
Kawasaki #56 - Players - caduta - 22 h 56
Yamaha #36 - 3ART Best Of Bike - rottura meccanica - 23 h 58
Suzuki #72 - Junior Team Le Mans Sud Suzuki - caduta - 02 h 15
Yamaha #65 - Motobox Kremer Racing - rottura meccanica - 06 h 14
Yamaha #77 - Wójcik Racing Team EWC 77 - rottura meccanica - 7 h 11
BMW #9 - Tecmas Mersen GMC - rottura meccanica - 7 h 50
Suzuki #212 - Werc Motor Events - rottura meccanica - 8 h 10
Yamaha #66 - OG Motorsport by Sarazin - rottura meccanica- 11 h 14
Yamaha #333 - Viltaïs Racing Igol - rottura meccanica - 12 h 49

Articoli che potrebbero interessarti