Tu sei qui

Verso la prova: Kawasaki Versys 650 2022, arriva il pieno di tecnologia

La crossover media resta fedele al noto bicilindrico da 67 cv, ma guadagna ritocchi estetici e soprattutto una strumentazione TFT ed il controllo di trazione. La proveremo a breve nelle Langhe

Moto - Test: Verso la prova: Kawasaki Versys 650 2022, arriva il pieno di tecnologia

Share


La avevamo scoperta “statica” alla scorsa edizione di Eicma (qui il nostro articolo ed il video), la ritroviamo in questi giorni per scoprire l’impatto di tutte le novità nella guida su strada. Di fatto resta invariata nei contenuti principali, con il bicilindrico parallelo da 67 CV (espressi a 8.500 giri e 61 Nm a 7.000 come valore di coppia massima), intorno al quale si sviluppa una delle crossover medie di maggior successo. Votata all’utilizzo su asfalto, con i suoi due cerchi da 17”, 219 kg in ordine di marcia ed un telaio in acciaio, per la 2022 le novità sono quasi tutte “targate” Versys 1000. Dalla sorella maggiore (che abbiamo recentemente provato nel ricco allestimento SE), eredita infatti l’inedita strumentazione TFT a colori (un 4,3″ che integra la connessione con lo smartphone), oltre al KTRC, il sofisticato sistema di controllo di trazione della casa di Akashi.

RITOCCATA NELL’ESTETICA, MODERNA NEI CONTENUTI

La nuova Kawasaki Versys 650, ora si presenta con un cupolino ridisegnato, dotato tra l’altro di una regolazione ancor più semplice ed immediata, su quattro posizioni. Troviamo tra gli accessori un opzionale parabrezza maggiorato, mentre luci ed indicatori di direzione sono ora totalmente full LED. Debutta, per la prima volta su Versys 650, il controllo di trazione impostabile su due livelli. L’altra grossa novità è il quadro strumenti TFT con connettività Bluetooth (grazie all'app Rideology di Kawasaki), che si abbina perfettamente con una comoda presa USB, optional perfetto per mantenere carichi un eventuale navigatore o lo smartphone, appunto.

Restano confermati invece l’ottimo telaio in acciaio, abbinato a ruote da 17”, che fanno della piccola Versys una moto con una vocazione prettamente stradale, insieme ai cerchi a sei sottili razze in alluminio. Il capiente serbatoio da 21 litri promette alla Versys 650 autonomie da globetrotter. Non ci resta quindi che aspettare di salire in sella, per scoprire il rinnovato pacchetto di elettronica, oltre ad alcuni dettagli, ottimizzati per migliorare il comfort della crossover media di Akashi.

PREZZI, COLORI E VERSIONI

I colori per la Versys 2022 sono tre: Metallic spark black/metallic flat spark black, Metallic phantom silver/metallic flat spark black/metallic spark black e Candy lime green/metallic flat spark/ metallic spark black. Oltre alle già conosciute versioni Tourer Plus e Grand Tourer vengono introdotte le nuove versioni Urban e Tourer, con un prezzo che parte dagli 8.390 euro della standard, fino ai 10.640 del più ricco allestimento Grand Tourer (con tra l’altro il tris di borse rigide). Nel mezzo troviamo la Tourer a 9.340, la Tourer Plus a quota 9.960, mentre la Urban è proposta ad 8.780 euro.

 

Articoli che potrebbero interessarti