Tu sei qui

SBK, Manfredi dà forfait, Suzuki sceglie il pupillo di Toseland per la prima del CIV: Webb

In fase di convalescenza dopo l’incidente ai test MotoE, Kevin Manfredi non prenderà parte al primo round del CIV Superbike 2022. Danny Webb al suo posto sulla Suzuki di Penta Motorsport, ex Mondiale Moto3 e beniamino di James Toseland 

SBK: Manfredi dà forfait, Suzuki sceglie il pupillo di Toseland per la prima del CIV: Webb

Share


Ad appena una settimana dall’apertura del sipario, il CIV Superbike deve fare a meno di un ulteriore atteso protagonista della vigilia. In aggiunta all’ormai più che certa assenza di Samuele Cavalieri nei ranghi di Kawasaki, anche Kevin Manfredi è costretto ad alzare bandiera bianca in vista del week-end inaugurale della stagione 2022 in programma settimana prossima al Misano World Circuit Marco Simoncelli. Troppo prematuro tornare in pista in seguito al violento incidente di inizio mese ai test MotoE. Suzuki e Penta Motorsport non si sono fatti trovare tuttavia impreparati, lo testimonia l’ingaggio del beniamino di James Toseland, Danny Webb, con un accordo “one shot”.

Manfredi dà forfait

Come risaputo, il 2022 è ricchissimo di impegni per Kevin Manfredi. Oltre ad essere la punta di diamante del progetto Suzuki nel CIV Superbike, parallelamente prenderà parte al Mondiale Endurance con Wojcik Racing e alla Coppa del Mondo di MotoE con OCTO Pramac. Proprio mentre stava svolgendo i test precampionato della serie elettrica in quel di Jerez in data 7-8-9 marzo, lo spezzino è incappato in una rovinosa caduta, procurandosi diverse fratture alle costole e ferite lievi a polmone e fegato. Rimasto in osservazione all’ospedale locale per qualche giorno, successivamente ha iniziato la fase di recupero per cercare di essere quantomeno al via della 24H di Le Mans del 16-17 aprile prossimi, escludendo un eventuale rientro anticipato nel CIV SBK viste le tempistiche strette: se ne riparlerà soltanto per Vallelunga.

Webb il sostituto

Penta Motorsport non resterà però a braccia conserte a Misano, bensì porterà regolarmente in pista la GSX-R 1000, affidandola per l’occasione a Danny Webb grazie ad un accordo “one shot”: corriamo insieme il week-end a venire, poi si vedrà (opzione da tenere in seria considerazione vista la possibilità di schierare una seconda “Gixxer” da parte della compagine di Ivan Goretti…). Artefice della prima-storica pole per Mahindra a Valencia 2011 nella sua lunga militanza nel Mondiale 125cc e Moto3 nonché dai trascorsi al TT, World SSP e per tre volte sul podio ad una 24H dell’EWC, l’originario di Royal Tunbridge Wells non è nuovo a “chiamate” in corso d’opera: nel 2021 aveva infatti preso il posto dell’allora infortunato Kyle Smith sulla Triumph 765 negli ultimi round del British SSP. Sebbene per Webb si tratterà di un autentico salto nel buio, senza test pregressi per capire il comportamento di moto, centralina MoTec e pneumatici Dunlop, potrà in ogni caso contare sulla presenza in borghese dello stesso Manfredi con cui condividerà il box nel Mondiale Endurance nel corso di questa stagione.

Mentore d’eccellenza

Le sorprese non sono certamente finite qui, tant’è che il paddock del Campionato Italiano Velocità accoglierà persino una delle figure più celebri e titolate dello scorso decennio: James Toseland, Campione World SBK 2004-2007, ex MotoGP e adesso mentore/manager di Webb. Un sodalizio in atto dal 2020 a questa parte, quando l’attuale 31enne correva nel World SSP con Wepol Racing (di cui Toseland era team manager). Il “pianista di Sheffield” sarà pertanto anch’egli nel box di Penta Motorsport per supportare il proprio beniamino… insomma, uno che sa come si vincono le gare!

Articoli che potrebbero interessarti