Prova Video Yamaha MT-07 2021: caratteristiche e foto

LA PROVA – le sinuose strade di una magnifica Puglia d’inverno, hanno fatto da cornice alla prova in anteprima della MT-07 MY2021, regina delle vendite tra le naked di media cilindrata

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


A metà della prossima settimana vi daremo le nostre prime impressioni a caldo, dopo il test in anteprima che ci apprestiamo ad effettuare, ma iniziamo ad anticiparvi qualche dettaglio della nuova e rinnovata MT-07.

Il divertimento su due ruote non è solamente il risultato di potenze da capogiro abbinate a dotazioni tecnico/dinamiche di altissimo livello: per godere in sella ad una moto, serve un mix perfetto di ingredienti, un bilanciamento sapiente tra prestazioni, comfort e dinamica di guida. A tre anni dall’ultimo aggiornamento, la Yamaha MT-07 si rifà il trucco, pronta per continuare a dare filo da torcere alle sue concorrenti. Come fa a farlo? Incarnando il concetto di moto “totale”, adatta alla più vasta categoria di appassionati delle due ruote e con 75 cavalli tra i più divertenti che si possano avere.

EVOLUZIONE PROGRESSIVA

Sono più di 125.000 gli esemplari di MT-07 (sia in versione full power che depotenziata a 35 kW) commercializzati dal suo primo lancio nell’ormai lontano 2013, costituendo la metà di tutte le vendite della gamma MT di Yamaha. MT che – lo ricordiamo – è acronimo di “Master of Torque”, a voler indicare proprio la coppia che l’ormai conosciuto bicilindrico CP2 dotato della famosa tecnologia Crossplane, è in grado di erogare (ovviamente con valori diversi a seconda della cubatura alla quale si fa riferimento), rendendolo un punto di riferimento per la categoria delle Hyper Naked di media cilindrata. Con la MT-07, Yamaha ha voluto creare una moto capace di offrire un’esperienza di guida unica, emozionante e piacevole, grazie – soprattutto – ad una erogazione lineare ed alla grande agilità del mezzo. Caratterizzata da un’estetica che predilige linee inequivocabilmente giapponesi, ha saputo incontrare l’approvazione della massa grazie ad un look potente ed essenziale creato da alcuni dei designer più visionari del settore, consolidando i valori fondamentali di questo apprezzatissimo modello di peso medio.

Le numerose funzionalità rinnovate, tra le quali troviamo l’accattivante propulsore Euro5 ed i freni anteriori più potenti dal diametro maggiorato, confermano l’esperienza di guida della classe MT-07, mentre la qualità complessiva aumenta, grazie al nuovissimo gruppo ottico anteriore che sfrutta la tecnologia a LED. Aumentata la larghezza del manubrio e la conformazione della seduta e del serbatoio, per una posizione di guida più eretta e confortevole. Chiude il pacchetto di innovazione, una coppia di pneumatici Michelin di ultima generazione che mantengono invariate le doti di tenuta soprattutto sul bagnato anche a battistrada consumato. Il prezzo da sempre competitivo abbinato alle soluzioni adottate, è un altro elemento chiave che permetterà alla Yamaha MT-07 MY2021 di mantenere la leadership nel segmento nel quale è dominatrice indiscussa fin dal suo ingresso sul mercato.

THE DARK SIDE OF JAPAN

Guardandola da ogni lato, ci si accorge che la sorella minore della famiglia delle Hyper Naked secondo Yamaha, ha tutte le carte in regola per non farsi togliere gli occhi di dosso. Lo stile d’impatto e ricco di personalità è ora più organico e maturo che mai: tutto entra a far parte della silhouette e nulla sembra messo lì a caso. Le nuove cover laterali del riprogettato serbatoio da 14 litri celano i condotti dell’aria e li integrano alla perfezione, donando alla moto un atteggiamento più dinamico. L’angolazione degli attacchi alari sul posteriore della MT-07 MY2021 sottolinea l’armonia del design complessivo, slanciando ancor di più il codino dal design decisamente appuntito. La sella è studiata per agevolare ogni tipo di movimento trasmettendo al rider una sensazione di completa agilità e libertà di spostamento; le ginocchia poggiano contro le cover sottolineate da una texture 3D che garantisce un miglior controllo della moto ed un approccio ancora più sportivo. Nella visuale laterale, appaga la sensazione di ordine e compattezza di tutte le componenti, partendo dal propulsore CP2 e passando alla collocazione del radiatore, dello scarico e di tutte le parti che danno luogo ad una meccanica ordinatissima e senza fronzoli.

SGUARDO AGGRESSIVO, FINALMENTE A LED

Quello di cui si sentiva il bisogno, era sicuramente un upgrade di alcuni elementi estetici, primo fra tutti il gruppo ottico anteriore che peccava di personalità: ad Iwata, i tecnici devono aver “percepito” il pensiero di tutti gli acquirenti ed hanno finalmente aggiunto un nuovo faro a LED dotato di proiettore bifunzionale che crea un potente fascio di luce con spigoli ben definiti che offrono un’eccellente luminosità durante la guida notturna o in condizioni di scarsa visibilità. Lo schema adottato dai designer, fa in modo che le luci di posizione e la luce principale, creino un’iconica forma a “Y”, confermando lo stretto legame familiare con il modello MT-09. Sfruttano la tecnologia a LED anche i nuovi indicatori di direzione ad alta intensità, collocati sia nella parte anteriore che posteriore della moto; più leggeri e compatti, si integrano finalmente con il design ulta-moderno della MT-07, definendo e rafforzando ulteriormente le specifiche esclusive di questa vendutissima Hyper Naked.

MOTORE CP2, EU5 DI ULTIMA GENERAZIONE

Se c’è un elemento che non ha bisogno di presentazioni – parlando di Yamaha MT-07 – è senza dubbio il suo propulsore, fautore del successo che ha da sempre contraddistinto questa moto dalle sue concorrenti. Parliamo del bicilindrico CP2 690 cc di ultima generazione, dotato di nuovo condotto di aspirazione dell’aria e di impostazioni ottimizzate dell’iniezione, di uno scarico 2-in-1 e di una ECU tutta nuova. Le modifiche apportate hanno avuto lo scopo di addolcire la risposta del motore, pur mantenendone le prestazioni decise ed entusiasmanti che ne hanno fatto un punto di riferimento per la categoria. Le modifiche apportate sulla MY2021 portano ad una erogazione più lineare con una curva di coppia più fluida e lineare: coppia che si assesta su un valore di 67 Nm a 6.500 giri/min mentre, la potenza massima, è di 73,4 cv a 9.000 giri/min. Questi numeri danno vita al più evoluto tra i propulsori di peso medio. Il frontemarcia di tipo Crossplane con imbiellaggio a 270° e scoppi irregolari in pieno stile Yamaha, dona una nota di scarico più decisa, che enfatizza la spinta del bicilindrico assicurando una risposta straordinaria a tutti i regimi di rotazione del motore, facendo della MT-07 una delle moto più piacevoli ed accessibili della sua categoria.

EVOLUZIONE DELLA SPECIE, SENZA STRAVOLGERLA

Una moto perfetta per tutti, dal neofita al motociclista più smaliziato che voglia una moto a basso costo ma piena di contenuti interessanti. Gli affinamenti apportati alla MT-07 MY2021 includono – finalmente – un manubrio più largo, soddisfacendo così una delle richieste che erano state avanzate in passato. A seguito delle numerose valutazioni effettuate dai tecnici, i designer Yamaha hanno perfezionato ulteriormente la nuova posizione di guida a bordo di MT-07 ottenendo così un maggior comfort ed una migliore manovrabilità, adottando un nuovo manubrio a sezione conica e larghezza incrementata di ben 32 mm. Sempre studiando le esigenze del mercato a cui è destinata, MT-07 per il 2021 riceve una strumentazione LCD caratterizzata da specifiche più elevate di derivazione Tracer 700; il cruscotto compatto e leggero è immediatamente leggibile ed è composto da un grande quadrante che include indicatore di velocità, contagiri, contamarce, orologio e indicatore della temperatura; chiaro e ben visibile anche il livello del carburante. Per quanto concerne il telaio, non ci sono stravolgimenti ma la sola conferma del mantenimento di tutte le parti adottate fino ad ora, eccezion fatta per una taratura aggiornata delle sospensioni.

Sospensioni che vedono – purtroppo – all’anteriore, ancora una forcella telescopica tradizionale e non a steli rovesciati; ci saremmo aspettati un qualcosa di più, sotto questo punto di vista, andando magari a sopperire a quella “morbidezza” a cui ci aveva abituati la MY2018. Novità interessanti invece, sotto il punto di vista del reparto frenante: l’anteriore fa ora affidamento su due generosi dischi da 298 mm (quelli montati sulla R1 del 2015) abbinati a pinze assiali e ad un disco da 245 mm al posteriore. Un bel salto di qualità rispetto ai dischi da 282 mm della versione precedente, che garantiscono finalmente spazi di arresto degne di una Hyper Naked di questa categoria. Il pacchetto delle novità si chiude con l’adozione in primo equipaggiamento delle performanti coperture Michelin Road 5 120/70-17”sull’asse anteriore e 180/55-17” al posteriore: la gomma in questione è sviluppata per utilizzo sulle strade di tutti i giorni ma non disdegna affatto la guida sportiva, dove sa offrire grandi doti di tenuta grazie alla sua composizione bimescola; in aggiunta, lo studio approfondito degli intagli per il drenaggio dell’acqua, ha portato alla creazione di veri e propri alveoli che, al consumarsi del battistrada, “si aprono” sempre di più, protraendo le doti di tenuta sul bagnato fino a quando arriva il momento di sostituire gli pneumatici.

LA PROVA

Condizioni meteo non “agevoli” hanno accompagnato la nostra prova su strada della Yamaha MT-07 MY2021. Pioggia, grandine e temperature che oscillavano tra i 2 ed i 7 gradi, non hanno permesso di apprezzare a fondo le caratteristiche tecniche e dinamiche della rinnovata Hyper Naked nipponica che comunque ha mostrato di avere carattere, pur avendo sacrificato un pelo di potenza massima ed avendo guadagnato un chilo sulla bilancia. In sella viene confermato il concetto di “easy sports excitement” tanto caro a Yamaha: la posizione di guida resta user friendly, con il busto in posizione maggiormente eretta rispetto a prima grazie al manubrio a sezione conica più largo di 30 mm, più alto di 12 ed arretrato di 10; la triangolazione perfetta delle quote, permette di percorrere tantissima strada senza accumulare stanchezza. Il motore CP2, come detto in precedenza, rispetta la norma Euro5 che ha sacrificato 1,4 cv rispetto alla versione Euro4: un ammanco che su strada non si sente, confermando invece la briosità del bicilindrico che – nel nome della tradizione “Master of Torque” – ha una bella schiena tra i 5 e gli 8.000 giri, range nel quale si esprime al meglio delle sue potenzialità. L’airbox ridisegnato, la centralina tutta nuova e l’utilizzo di materiali low-friction studiati appositamente per ridurre gli attriti, non fanno rimpiangere nulla in questa nuova evoluzione motoristica di MT-07 MY2021.

Intuitiva e semplice, grazie al manubrio più largo è ora ancora più semplice da gestire, complici le coperture Michelin Road5 che offrono tanto grip anche in condizione di fondi scivolosi, come quelle che abbiamo incontrato nel nostro test sulle strade della Puglia. Yamaha ha dichiarato che MT-07 non ha bisogno di elettronica che ne governi la dinamica di guida proprio per la facilità che la contraddistingue: basta dosare la manopola del gas e non si avranno mai reazioni inattese, merito anche del mono posteriore regolabile e della forcella anteriore KYB a steli tradizionali che si riconferma anche per l’anno 2021. Perché non utilizzare uno stelo rovesciato come sul resto della gamma MT? La risposta del responsabile di prodotto non lascia spazio a dubbi e conferma la bontà del progetto: “nell’ottica del contenimento dei costi abbinata agli sforzi profusi per offrire un prodotto complessivo dalla qualità elevata ad un prezzo senza rivali sul mercato, non avrebbe senso adottare uno stelo rovesciato entry-level quando questo stelo tradizionale è rodato, di qualità e dal funzionamento ineccepibile”. Come dargli torto? L’anteriore si alleggerisce solo se si inizia ad essere molto incisivi nella guida e se i cambi di direzione si fanno continuati e repentini: in condizioni di utilizzo “normale”, non delude affatto e assorbe le asperità riducendo l’impatto sul rider.

L’evoluzione della MT-07 vede anche un significativo incremento della potenza frenante, dato dall’incremento della dimensione dei dischi abbinato ad un sistema ABS perfettamente tarato e dall’effetto “ritardato”; entra in azione solo quando serve e lo fa in modo incisivo ma controllato. Un bilancio ottimo insomma, che non tradisce il concept con cui MT-07 è stata progettata fin dagli albori: con i suoi 184 kg in ordine di marcia e una sella posizionata a soli 805 mm dal piano strada, Yamaha MT-07 è davvero una moto adatta ad una platea ampia che include senza ombra di dubbio, anche il gentil sesso appassionato di due ruote. Le dimensioni contenute la rendono maneggevole e poco ingombrante anche nell’uso quotidiano; maneggevolezza che dipende anche dall’interasse contenuto in soli 1.400 mm abbinato ad un avancorsa di 90 mm. Yamaha MT-07 inizia il nuovo anno con una promozione a pieni voti; evoluzione progressiva a tutti gli effetti, senza stravolgimenti ma con tante migliorie che compensano la penalizzazione imposta dall’Euro5 incrementando il piacere di guida e la sensazione di avere tra le mani una moto di classe superiore.

IL PREZZO ED I CONSUMI

Yamaha MT-07 MY2021 è disponibile in una gamma di combinazioni di colori e grafiche studiate per rafforzare il family feeling della gamma MT. STORM FLUO con gli accattivanti cerchi rossi è una combinazione dinamica che incarna l’anima di questa Hyper Naked di media cilindrata, mentre, la combinazione ICON BLUE richiama fortemente i colori che contraddistinguono da sempre i modelli nati sotto al segno del Diapason. Ultima ma non ultima per importanza, la versione TECH BLACK non lascia spazio a dubbi: incarna appieno quel lato oscuro del Giappone tanto caro al colosso di Iwata. Chi volesse personalizzare la propria MT-07, può attingere ad un ricchissimo catalogo di parti originali Yamaha che permettono di spaziare dalla sportività estrema all’ambito turistico.

Una moto che, secondo noi, rimarrà esattamene al vertice della sua categoria, grazie ad un consumo medio di soli 4,2l/100km ed anche al prezzo contenuto; servono infatti solo 6.999 Euro f.c. per portare a casa la MT-07 nel colore che preferite.

PIACE - Posizione in sella, facilità di guida, design accattivante

NON PIACE - Avantreno leggero, forcella ancora di tipo tradizionale

ABBIGLIAMENTO UTILIZZATO

Casco: AGV K6 Nardò Grey

Giacca: Dainese Agile Leather

Pantaloni: Dainese Clacssic Slim Tex Pants

Guanti: Dainese 4-Stroke 2 Gloves

Scarpe: Dainese Energyca D-WP

Articoli che potrebbero interessarti