Tu sei qui

MotoGP, Marini: "Quest'anno ci sono belle gare, peccato che io le guardi in TV!"

"Non voglio parlare del regolamento 2027, sono concentrato sul presente. Ho letto i commenti degli altri piloti alla nuova Honda, forse i giornalisti hanno frainteso alcune dichiarazioni, per me ci sono novità positive"

MotoGP: Marini:

Luca Marini sta affrontando una stagione molto complessa in sella ad una Honda che di certo sta affrontando il momento più difficile in MotoGP. Una stagione avara di soddisfazioni, che purtroppo vede Luca combattere costantemente in fondo al gruppo. Ma se è vero che il presente non regala soddisfazioni, almeno Marini resta ottimista riguardo il futuro ed ha anche difeso l'operato di Honda, che a Jerez ha portato in pista una vera versione B della RCV. 

"I test ci servono sempre, per me sarebbe bello farne anche altri per migliorare - le parole di Marini -  perché adesso manca tanto anche sul piano della guida della moto. Dovremmo cercare di migliorare nel più breve tempo possibile, il che non è facile. Ma in Honda stano facendo un ottimo lavoro tutti gli ingegneri, i giapponesi ci hanno portato cose che sono leggermente migliorative, ma ci serve mettere assieme il pacchetto migliore possibile".

Quindi non ritieni che la nuova RCV sia un completo fallimento?
"Tutto è leggermente meglio, ma poco meglio. I passi in avanti si fanno così oggi, tirare giù molti decimi tutti assieme non è possibile, si deve lavorare su un decimo alla volta".

Pensi di avere altri pezzi nuovi a breve da provare?
"Ancora dobbiamo aspettare che sia tutto definito il pacchetto nuovo, poi ci vuole anche tempo per produrre i pezzi nuovi, il che è normale anche perché vengono prodotti in Giappone e ci vuole il giusto ciclo di controlli per far si che sia tutto perfetto quando poi monti i pezzi sulla moto".

Zarco ha bocciato in modo secco la moto portata a Jerez. 
"Ho letto i commenti degli altri piloti, ma onestamente non so se siano state comprese molto bene le loro parole dai giornalisti. Diciamo che tutto il pacchetto che abbiamo provato sulla moto è difficile da valutare nell’insieme, ma secondo me se prendi singolarmente le novità, ci sono cose positive rispetto alla moto vecchia. Io ho detto la mia, penso di aver capito le cose che sono migliori, quindi arriverà una sorta di pacchetto nuovo mixato".

Sarà importante provare le novità anche al Mugello?
"Si, bisognerà riprovarle anche al Mugello, perché rispetto a Jerez sono due piste completamente diverse. Se funzionano al Mugello, direi che siamo sulla strada giusta".

Cosa ti aspetti qui a Le Mans?
"In questo 2024 è impossibile prevedere qualsiasi cosa, ma almeno a Le Mans avremo un bel meteo nel corso del weekend. Dobbiamo aspettare venerdì per capire la nostra situazione rispetto ai rivali, ma onestamente non credo che vedremo qualcosa di troppo diverso rispetto alle altre gare".

Hai letto il nuovo regolamento?
"Troppo lontano per pensarci al 2027. Sono concentrato su quest’anno per cercare di migliorare la situazione e non penso troppo al futuro. Posso solo dire che la moto sarà più piccola e limitata dal punto di vista aerodinamico, quindi serviranno tanti investimenti e studio per trovare soluzioni. Come abbiamo visto negli ultimi anni, l’aerodinamica è l’aspetto che più di tutti ha cambiato le moto. Puoi scaricare meglio la potenza a terra, impenni meno, fa girare meglio la moto. Già solo averla ridotta senza toglierla del tutto, costringerà gli ingegneri a mettersi sotto e trovare soluzioni per farla funzionare al meglio avendo meno superfici. Non sarà facile".

Credi che vedremo gare più spettacolari?
"Io penso che già con le gomme di quest'anno le cose sono migliorate molto. Le gare quest’anno sono molto belle, peccato che io le guardi solo in tv. Però mi sembrano migliori! Anche dietro ci sono belle battaglie, quelle almeno le vedo".

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy