Tu sei qui

MotoAmerica, Petersen resiste alla pressione e vince la Superbike a Barber

Cameron Petersen precede il suo compagno di squadra Jake Gagne nelle azioni Steel Commander Superbike al Barber Motorsports Park

MotoAmerica: Petersen resiste alla pressione e vince la Superbike a Barber

Condurre 17 giri di una gara MotoAmerica Steel Commander Superbike è già abbastanza difficile. Condurre 17 giri con il fiato sul collo del tre volte campione MotoAmerica Superbike Jake Gagne è decisamente scoraggiante. Ma Cameron Petersen di Attack Performance/Progressive/Yamaha è stato in grado di concentrarsi su ciò che era davanti e non su ciò che era dietro per vincere la prima delle tre gare Superbike di sabato al Barber Motorsports Park.
 
Nel farlo, il sudafricano non ha mai sbagliato un colpo e ha preceduto il suo compagno di squadra Gagne di 0,438 secondi dopo 20 giri. Poiché 20 meno 17 fa tre, chi ha guidato i tre giri iniziali? Cameron Beaubier del Tytlers Cycle Racing con la sua BMW M 1000 RR, ma non è durato. Proprio quando sembrava che il cinque volte campione della serie stesse per vincere, tutto è andato terribilmente storto al quarto giro, quando Beaubier è caduto mentre era in testa alla corsa.
 
Petersen contro Gagne, con Petersen in testa e Gagne all'inseguimento, che ha aumentato la pressione per vedere se Petersen avrebbe vacillato. Non l'ha fatto. Al contrario, è stato quasi perfetto e ha conquistato la sua quarta vittoria nella MotoAmerica Superbike, tre delle quali al Barber Motorsports Park.
 
Gagne ha chiuso al secondo posto, felice per il suo compagno di squadra e consapevole di aver allungato il suo vantaggio di 20 punti sul rivale Beaubier, 65-45, dopo le prime tre gare della stagione.
 
Sia Petersen che Gagne hanno riconosciuto che le cose sarebbero andate diversamente se Beaubier non fosse caduto.

Josh Herrin del Warhorse HSBK Racing Ducati si è imposto in una lotta a tre per l'ultimo posto sul podio. Dopo aver superato il suo compagno di squadra Loris Baz, Herrin si è sbarazzato dell'impressionante debuttante Sean Dylan Kelly all'ultimo giro per concludere al terzo posto.
 
Kelly del TopPro Racing ha chiuso a 0,476 secondi da Herrin e a 0,502 secondi da Baz. Per Kelly si tratta del terzo piazzamento tra i primi cinque all'inizio della sua stagione da esordiente in Superbike.
 
Lo spagnolo Xavi Forés ha ottenuto il sesto posto al suo debutto sulla Vision Wheel M4 ECSTAR Suzuki, in sostituzione dell'infortunato Richie Escalante. Forés è stato ben lontano da Baz e ha preceduto di 0,8 secondi il settimo classificato JD Beach e la sua BMW M 1000 RR del Tytlers Cycle Racing.
 
Hayden Gillim di Real Steel Motorsports è stato ottavo, mentre Bobby Fong di Wrench Motorcycles e Brandon Paasch di Vision Wheel M4 ECSTAR Suzuki hanno completato i primi 10 classificati.
 
Dopo tre gare, Gagne è in vantaggio su Beaubier nella corsa al titolo per 65-45, mentre Petersen è salito al terzo posto in classifica con 42 punti. Kelly è quarto con 37 punti, tre in più del quinto classificato Herrin.
 
Domenica sarà una giornata intensa per gli uomini della Steel Commander Superbike, con due gare in programma.

Photo courtesy MotoAmerica by Brian J. Nelson

Superbike Race One

Cameron Petersen (Yamaha)
Jake Gagne (Yamaha)
Josh Herrin (Ducati)
Sean Dylan Kelly (BMW)
Loris Baz (Ducati)
Xavi Forés (Suzuki)
JD Beach (BMW)
Hayden Gillim (Honda)
Bobby Fong (Yamaha)
Brandon Paasch (Suzuki)


Cameron Petersen - Vincitore
 
"È una bella sensazione. Credo che siano tre le vittorie su questo circuito. Una l'ho ottenuta sull'asciutto, ma onestamente è una bella sensazione. So che molti sanno cosa ho passato durante la stagione e dopo l'operazione. È stata una stagione difficile. Il polso comincia a sentirsi davvero bene sulla moto. È una bella sensazione togliermi questa scimmia di dosso. È stato un gioco di domande, chiedendomi se avessi fatto la cosa giusta con l'operazione. Ma sta cominciando a dare i suoi frutti. Come ha detto Jake, abbiamo avuto un venerdì davvero difficile. Ci stavamo grattando la testa e i ragazzi hanno fatto un lavoro incredibile. Oggi abbiamo fatto un passo avanti. Avevamo una buona moto da corsa. Abbiamo avuto un po' di fortuna. Cam aveva un ritmo incredibile all'inizio. Stava iniziando a staccarsi. Per il resto della gara, ho solo cercato di centrare i miei obiettivi. Sapevo che se lo avessi fatto e se fossi stato bravo in frenata e non avessi commesso errori, avrei avuto una buona opportunità. Quindi, ho abbassato la testa e ho fatto tutto il possibile. A circa cinque giri dalla fine, mi sono detto: "Nessuno mi porterà via questa gara. Siamo troppo vicini alla fine. Sono stato in testa per tutta la gara. Lo volevo fortemente. Congratulazioni ai ragazzi qui accanto a me. È sempre divertente correre contro di loro. Non vedo l'ora che arrivino le due gare di domani".

Jake Gagne - Secondo posto
 
"È stato fantastico. Cam (Petersen) ha fatto una grande gara. Non ha sbagliato una ruota. Io ero seduto lì in attesa di un errore. Era bravo a frenare dappertutto, quindi non potevo fare molto, a meno che non cercassi di infilare la ruota. Volevo vedere se riuscivo a fare una mossa negli ultimi due giri. Poi ha iniziato a piovere, quindi nelle retrovie si è fatto buio. Ho pensato che non avrei potuto fare nulla, a meno che non avesse commesso un errore, e non l'ha fatto. Voleva quella gara. Congratulazioni a Cam. Se l'è meritato. Congratulazioni alla squadra, che ha ottenuto una doppietta dopo la giornata difficile di ieri. È stato bello vedere la coerenza. È stata una gara divertente, in cui ho girato con Cam. Ovviamente è il mio compagno di squadra e uno dei miei grandi amici. Quindi, complimenti a lui. Ma abbiamo del lavoro da fare. Vedremo se domani riusciremo a migliorare alcune cose. (Cameron) Beaubier è stato irreale nei primi due giri. Non ho visto cosa è successo, ma spero che stia bene. Domani tutti andranno più forte, quindi dobbiamo fare il nostro lavoro".
 

Josh Herrin - Terzo posto
 

"Siamo tornati a quello che avevamo venerdì e abbiamo provato a fare qualcosa di piccolo. Siamo stati qui tre volte con questa moto. Siamo venuti qui per la gara dell'anno scorso, per una giornata in pista all'inizio dell'anno e poi adesso. Sono bloccato nel momento in cui mi trovo. Non riesco a fare di meglio. Avere Baz qui, mi ha aiutato perché mentalmente sapevo che non ero solo io, questa è una pista difficile per noi. La moto va benissimo, ma non riesco ad andare più veloce. È strano perché sento che sto andando molto bene, ma poi i ragazzi vanno più veloci. Quindi, devo continuare a lavorare e a cercare di migliorare, sapendo che mi aspettano giorni migliori. Il prossimo appuntamento è a Road America. È una pillola difficile da ingoiare, sapendo che si tratta di un round di tre gare. Ma la cosa più importante per me, per quanto gli voglia bene, è battere Baz. Quindi, è stata una buona motivazione. Ho avuto una bella battaglia con Sean alla fine. È stata una gara molto divertente. Ringrazio il mio team per l'impegno costante nel cercare di migliorare. Non so se è qualcosa che dobbiamo migliorare sulla moto o se sono io che non mi sento a mio agio. Storicamente, questa è una buona pista per me, quindi è difficile da capire. Ma se mi aveste chiesto ieri o stamattina se sarei stato contento del terzo posto, sarei stato entusiasta. Soprattutto dopo Atlanta.Abbiamo disputato probabilmente la migliore gara della mia carriera, ma sulla carta non sembrava così. Ma averli raggiunti così tanto e sentirmi così bene sulla moto, mi ha permesso di affrontare mentalmente i prossimi due round con la testa sulle spalle.Sono contento e spero solo che domani vada meglio o che magari piova e ci aiuti.Non lo so".

Articoli che potrebbero interessarti