Tu sei qui

Sponsored by

Petrucci: “Oggi è stata dura e lunga, non so come ho fatto a non perdermi”

PETRUX RACCONTA: DIARIO DALLA DAKAR - “Guido con una gamba sola, è tosta se penso a cosa mi aspetta per i prossimi 12 giorni. Lunedì partiremo di notte"

Dakar: Petrucci: “Oggi è stata dura e lunga, non so come ho fatto a non perdermi”

Share


Con la prima tappa di Ha’il anche per Danilo Petrucci la Dakar è entrata nel vivo. Il pilota ternano di Casa KTM ha chiuso la giornata di domenica con il 13° crono, facendo meglio di tanti big come Barreda e Benavides che hanno commesso errori nel calcolo della rotta.

Arrivato al bivacco, Petrux ci ha informato riguardo com'è andata la sua prima vera giornata di gara in terra Araba: “Oggi è stato importante svolgere la tappa senza problemi – ha detto - immaginavo fosse lunga la prova, ma non così tanto. Avverto comunque del dolore alla caviglia, di conseguenza guido con una gamba sola, dal momento che la destra la utilizzo solo per frenare”.

Se da una parte tocca stringere i denti, dall’altra c’è la consapevolezza per il lavoro svolto:  “Sono riuscito a non perdermi a differenza di tanti big – ha aggiunto - sinceramente il motivo non lo so, anche se le tracce lasciate sul terreno da chi è passato prima di me sono state d’aiuto. Siamo però solo all’inizio ed è tosta se devo pensare a cosa mi attende per i prossimi 12 giorni. Domani partiremo di notte e vediamo quello che accadrà. Preferisco non guardare alla classifica, ma cercare di godermi l’avventura senza perdermi”.  

Articoli che potrebbero interessarti