Tu sei qui

MotoGP, Neil Hodgson: "ad Austin Marini è stato battuto anche da chi era caduto"

"Neil Hodgson: "La Honda dovrebbe usare il 2024 per fare esperimenti. Non ha senso investire sulla stagione attuale, sono troppo distanti". Guintoli: "Situazione disastrosa e la rivoluzione del 2027 è un'incognita"

MotoGP: Neil Hodgson:

Nuovamente fanalino di coda del campionato MotoGP per il terzo anno consecutivo, la Honda sta già tirando i remi in barca o comunque è stata invitata a farlo. Attualmente con appena 13 punti nella generale costruttori, ovvero meno della metà della penultima del gruppo Yamaha, sembra non riuscire proprio ad intravedere la luce in fondo al tunnel.

Commentando a TNT Sport la situazione in cui si sta trovando la Casa nipponica, a lungo dominatrice con Marc Marquez, un big delle due ruote come Neil Hodgson ha detto: "Hanno un buco prestazionale enorme e la loro stagione è cominciata con un passo molto distante da quello dei migliori.In America le quattro RC213V hanno terminato la corsa agli ultimi quattro posti. Un conto è essere lenti, un altro è esserlo e fare anche incidenti. Ciò significa che il pilota in sella sta spingendo e dando il massimo. Cadere quando si è in fondo potrebbe suonare come una barzelleta, in realtà descrive bene il loro stato".

"So che stanno investendo parecchio ed è esattamente quello che devono fare - ha proseguito il britannico - A mio avviso devono accettare di tirare una riga sopra a questa annata e utlizzare le gare per fare esperimenti, così da velocizzare il recupero. E' vero che adesso possono usufruire delle concessioni e di sessioni di test extra, ma verificare il comportamento delle gomme durante un GP può essere utile, non potendo raccogliere nulla".

Del medesimo parere anche Sylvain Guintoli, pure lui inviato speciale per TNT. "Ad Austin è stato un disastro. Marini ha tagliato il traguardo in ultima piazza sia al sabato, sia alla domenica, mentre gli altri tre sono stati protagonisti di scivolate. Hanno quindi tanto lavoro da fare. La domanda è se con le nuove regole in vigore dal 2027 le cose cambieranno".

In chiusura proprio su Luca l'inglese ha voluto inserire una considerazione: "Al COTA è stato battuto pure da Alex Marquez, finito in terra e poi tornato in pista. Qualcosa di incredibile".

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy