Tu sei qui

CIV SBK: È subito Pirro vs Delbianco a Misano, ma occhio alle Yamaha

Michele Pirro inaugura il CIV Superbike 2022 con il miglior tempo nelle prove libere a Misano. Tolto il tempo ad Alessandro Delbianco, poi 3°. In forma le Yamaha con Niccolò Canepa 2° e Mattia Pasini 4° al debutto

SBK: CIV SBK: È subito Pirro vs Delbianco a Misano, ma occhio alle Yamaha

Share


Trascorsi 173 giorni dalla finalissima 2021 di Vallelunga, il Campionato Italiano Velocità ha ufficialmente acceso di nuovo i motori in un week-end di gara. Con un parterre di piloti dall’ampio respiro internazionale e l’apporto delle principali case costruttrici, la classe regina Superbike ha archiviato la sessione inaugurale di prove libere del 2022 al Misano World Circuit Marco Simoncelli, teatro del primo dei sei round previsti da calendario. Tante le tematiche d’interesse e le novità tecniche (vedi pneumatici Dunlop) di una stagione che si preannuncia entusiasmante, che tuttavia non riguardano la cima del monitor dei tempi che propone il solito dualismo tra Michele Pirro e Alessandro Delbianco.

Sempre Pirro vs Delbianco

Alessandro Delbianco in azione sulla RSV4 di Nuova M2 Racing

In una pista non in perfette condizioni a causa della pioggia caduta copiosamente nella giornata di ieri, nei minuti conclusivi del turno Michele Pirro (Barni Spark Racing Team) è salito in cattedra, fermando le lancette sul 1’37”810. I riferimenti sono poco indicativi, ma l’otto volte campione italiano ha voluto ribadire che sarà ancora il pilota da battere. Lo sa eccome il vicecampione 2021 Alessandro Delbianco, quest’anno alfiere Nuova M2 Racing, a suo agio sulla RSV4 1100 dopo i buoni test precampionato: il terzo posto a mezzo secondo dal rivale non deve infatti ingannare perché DB52 si è visto cancellare per track limit il crono di 1’37”348 che gli avrebbe garantito di stare davanti a Pirro. Il potenziale nel taschino dunque c’è.

Yamaha (e Pasini) in forma

Mattia Pasini al debutto sulla R1 M del Keope Motor Team

Chi invece ha ben impressionato è stata indiscutibilmente Yamaha. Rientrata in forma ufficiale nel CIV Superbike, questa mattina entrambi i portacolori del Keope Motor Team hanno messo in luce le doti velocistiche della YZF-R1 M. Non soltanto con Niccolò Canepa, secondo a +0”365, oltretutto rientrato in tempi record dai test pre-24H di Le Mans, ma persino con la new entry Mattia Pasini. Accettata la chiamata in extremis per prendere il posto del debilitato Randy Krummenacher (leggi QUI) posteriormente alla separazione con Vince64-Broncos Racing Team, il romagnolo si è destreggiato efficacemente alla prima uscita in sella alla nuova moto, chiudendo in quarta posizione a poco più di un decimo dal compagno di squadra.

Nel pomeriggio la QP1

Sperando in un asfalto migliore e che Giove Pluvio non ci metta lo zampino, nel pomeriggio il numero 54 sarà chiamato all’esame della prima sessione di qualifiche (ore 16:15), in cui il cronometro inizierà a contare veramente. Se la top-4 ha scavato un solco significativo sul resto del gruppo, l’ultimo pilota ad accusare meno di un secondo di ritardo è il neolaureato Luca Vitali (Scuderia Improve Honda) in quinta posizione a +0"736. Più attardati invece i vari Andrea Mantovani (Broncos Racing Ducati), Alex Bernardi (Nuova M2 Racing Aprilia), Lorenzo Zanetti (Broncos) e Flavio Ferroni (DMR Racing Honda). In top-10 pure Sheridan Morais sulla Ninja ZX-10RR di Black Flag Motorsport, reduce dal podio alla Daytona 200, per l’occasione sostituto dell’infortunato Samuele Cavalieri.

Photo credit: daniguazzetti.com

RISULTATI LIBERE:

Articoli che potrebbero interessarti