Tu sei qui

Cavalieri si frattura il polso: a forte rischio l'esordio con Kawasaki nel CIV SBK

Samuele Cavalieri sarà costretto molto probabilmente a saltare il primo round del CIV Superbike 2022 con Black Flag per la frattura del polso e di un dito in un incidente a Cremona. Toccherà a Bradley Smith?

SBK: Cavalieri si frattura il polso: a forte rischio l'esordio con Kawasaki nel CIV SBK

Share


Tegola pesante per Black Flag Motorsport a due settimane esatte dall’apertura della stagione 2022 del CIV Superbike. In procinto di esordire nella classe regina del Campionato Italiano Velocità con la Ninja ZX-10RR mediante il supporto diretto della filiale nazionale di Kawasaki, per il primo round del 2-3 aprile prossimi al Misano World Circuit Marco Simoncelli la compagine capitanata da Mathia Beatrizzotti dovrà infatti fare a meno (con ogni probabilità) del proprio portacolori Samuele Cavalieri, rimasto vittima di un brutto incidente nel corso di un test al Cremona Circuit.

Il fattaccio

Se diversi suoi colleghi sono scesi recentemente in pista a Misano, nella giornata di ieri Samuele Cavalieri si è recato sul nuovo impianto di San Martino del Lago al fine di allenarsi in sella ad una Ninja ZX-10RR in configurazione Stock. Nel corso di uno dei turni in programma, il vicecampione 2020 del CIV Superbike è incappato in una rovinosa caduta con la conseguente frattura del polso sinistro e di un dito della mano destra.

Misano a rischio

Trasportato successivamente all’ospedale, i medici gli hanno prontamente applicato dei gessi per garantire la corretta stabilità e riduzione delle fratture. Rientrato in giornata nella sua abitazione, complice la prognosi di almeno 20-30 giorni, salvo stravolgimenti, Samuele Cavalieri non potrà pertanto partecipare al primo appuntamento dell’imminente stagione 2022 del CIV Superbike.

Chance per Smith?

Con il 25enne che nella migliore delle ipotesi tornerà disponibile soltanto per il secondo round di inizio maggio in quel di Vallelunga, in questo momento Black Flag Motorsport e Kawasaki Italia sono al lavoro per decidere il da farsi. Ovviamente entrambe le parti non sono intenzionate a restare a braccia conserte e, in attesa di sciogliere le ultime riserve nei giorni a venire, non è escluso che la scelta possa ricadere su Bradley Smith. In quanto tester ufficiale della squadra, rappresenterebbe la scelta più naturale… senza dimenticare che, secondo le indiscrezioni raccolte, l’ex MotoGP avrebbe presenziato a prescindere al week-end di Misano per supervisionare il progetto.

Articoli che potrebbero interessarti